Bassa qualità del seme: trovata una nuova causa

Un nuovo studio collega la qualità dello seme dei giovani uomini alle sostanze chimiche perenni. Ma non si tratta dell'esposizione chimica diretta degli uomini, ma di quella delle loro madri durante la gravidanza. Scopriamo i dettagli. 

Pancione di donna in gravidanza con scarpine blu
Foto Pexels | Daniel Reche

Articolo aggiornato il 10 Ottobre 2022

Un nuovo studio collega la qualità dello seme dei giovani uomini alle sostanze chimiche perenni. Ma non si tratta dell’esposizione chimica diretta degli uomini, ma di quella delle loro madri durante la gravidanza. Scopriamo i dettagli.

Uno studio danese fa luce sulla bassa qualità dello sperma

Uno studio danese ha registrato che l’esposizione delle donne in gravidanza ai PFAS (sostanze alchiliche perfluorurate e polifluorurate) influisce, anni dopo, sulla qualità dello seme dei loro figli.

È stato riscontrato che le madri che avevano un carico di PFAS elevato all’inizio della gravidanza avevano maggiori probabilità di dare alla luce figli che in seguito avrebbero avuto una concentrazione di spermatozoi inferiore, rispetto ai figli con madri con carico inferiore.

Bassa qualità dello sperma, come si è svolto lo studio?

Negli anni dal 1998 al 2003, campioni di plasma sono stati prelevati da donne in gravidanza danesi nell’ambito di uno studio. In alcune di esse sette valori erano esageratamente sopra la norma.

Anni dopo, 864 figli di donne esaminate hanno partecipato a un altro studio. Da essi sono stati raccolti la qualità dello seme, il volume testicolare e le concentrazioni di ormoni riproduttivi, nonché il carico di PFAS. È stata quindi determinata una connessione tra questi dati e l’infertilità giovanile.

La coautrice dello studio Sandra Søgaard Tøttenborg del Copenhagen University Hospital ha dichiarato al Guardian che la capacità riproduttiva è definita durante il primo trimestre di gravidanza.

I tassi di infertilità stanno aumentando inspiegabilmente in tutto il mondo, quindi lo studio è “un pezzo importante di quel puzzle”, ha detto Søgaard Tøttenborg al Guardian.

I PFAS possono avere effetti dannosi sia sull’ambiente che sull’uomo. Nel corpo, i PFAS possono influenzare negativamente il sistema immunitario e interrompere gli ormoni e lo sviluppo fetale.

Il gruppo di sostanze PFAS comprende circa 4000 diversi composti chimici. Esempi sono l’acido perfluoroottanoico (PFOA) e l’acido perfluorottano solfonico (PFOS). Poiché sono difficili da scomporre, sono chiamati “sostanze chimiche eterne”.