Avena: proprietà nutrizionali e dimagranti, benefici e controindicazioni

Se dell’avena consideriamo le proprietà nutrizionali e dimagranti e i benefici, ci accorgiamo che questo cereale è veramente straordinario e quindi non dovrebbe mai mancare nella nostra alimentazione. Oltre a fornirci molti carboidrati, è utile per le fibre, per la riduzione del colesterolo, per la formazione delle proteine e può essere consumato anche da chi soffre di celiachia. Inoltre, l’avena così come i suoi derivati come i fiocchi, la farina e il latte, sono naturalmente privi di glutine, rendendo l’avena un cereale adatto ai celiaci e a tutti coloro che sono intolleranti alla proteina del glutine. In più, le proprietà dell’avena così come i suoi benefici e valori nutrizionali la rendono un alimento perfetto non solo a colazione (con il classico porridge d’avena) ma anche come spuntino. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere su questo cereale, comprese anche alcune (poche) controindicazioni dell’avena cui prestare attenzione.

Questa pagina contiene:

I valori nutrizionali

avena fiocchi
ElementoQuantità per 100 gr
Calorie389 kcal
Carboidrati66 gr
Grassi7 gr
Colesterolo0 gr
Proteine14 gr
Zuccheri16 gr
Fosforo523 mg
Magnesio177 mg
Ferro4,7 mg
Rame0,6 mg
Zinco4 mg

Dal punto di vista nutrizionale, i chicchi contengono amido per il 60-70%, insieme ad altri carboidrati. Il 14% è costituito da proteine e il 7% da grassi. Inoltre l’avena contiene molte vitamine del gruppo B, enzimi, sali minerali, come calcio e fosforo, oligoelementi e l’avenina, una sostanza che riesce a tonificare, a fornire molta energia e a mantenere in equilibrio il sistema nervoso. L’avena è facilmente digeribile, proprio per questo è indicata anche per chi soffre di gastrite o di colite.

I benefici

I benefici dell’avena sono molti. Questo cereale non provoca dei forti picchi insulinici e riesce a fornire al nostro organismo molta energia.

Se durante la lavorazione viene mantenuta pura e non subisce contaminazioni con altri cereali, come, ad esempio, la segale o l’orzo, può essere ottima anche per chi soffre di celiachia o di intolleranza al glutine. L’avena contiene molte fibre, per questo permette al nostro intestino di funzionare al meglio.

Inoltre studi scientifici hanno provato che la farina di avena potrebbe ridurre il colesterolo.

L’avena è importante anche perché apporta gli amminoacidi essenziali, che sono necessari per la formazione delle proteine. Scopriamo tutte le sue proprietà.

Proprietà per l’intestino

L’avena contiene molte fibre – come già detto – pertanto è indicata per tutti coloro che soffrono di problemi intestinali; questo cereale senza glutine, infatti, migliora l’evacuazione e favorisce al contempo la digestione.

Proprietà antitumorali

Particolarmente importanti sono alcuni composti contenuti nell’avena: gli avenantramidi. Sono degli antinfiammatori, che riescono a proteggere dai tumori, perché impediscono lo sviluppo delle cellule cancerose.

Proprietà dimagranti

Le proprietà dimagranti dell’avena sono molto evidenti. Specialmente i fiocchi d’avena possono essere inseriti all’interno di una dieta, con l’obiettivo di mantenere sotto controllo il peso corporeo. Infatti, dopo il consumo di questo cereale, rimane a lungo un senso di sazietà e questo sicuramente è un vantaggio per chi segue una dieta.

Proprietà per i celiaci

Come già specificato, l’avena è un cereale senza glutine, adatto pertanto per tutti coloro che soffrono di celiachia o di intolleranza al glutine: la farina d’avena può essere usata al posto di quella tradizionale per la preparazione di pizze, piadine o dolci naturalmente prive della proteina allergizzante.

Proprietà per i vegetariani

L’avena è preziosa per vegani e vegetariani, in quanto ottima fonte di proteine (ne contiene fino al 14%). Grazie al contenuto di lisina, l’avena e i suoi derivati aiutano chi ha più bisogno di proteine nella sintesi delle proteine stesse, grazie al contenuto elevato di amminoacidi. Normalmente la lisina è presente nei legumi, ecco perché abbinare cereali e legumi è ideale per aumentare la produzione e l’assorbimento proteici.

Come mangiare l’avena

L’avena è disponibile in diverse forme sul mercato: come crusca, fiocchi, latte e farina. In base a ciò che si desidera cucinare, è consigliata l’una o l’altra forma di avena per le ricette da preparare.

Essendo priva di glutine, si può usare la farina per la preparazione di piatti per celiaci, come pizze o piadine, o ancora dolci; con la crusca si può fare un’ottima colazione a base di cereali e -ad esempio- yogurt, mentre con i fiocchi si possono realizzare gustosi porridge d’avena da accompagnare a frutta fresca.

Anche il latte d’avena è davvero gustoso, e può essere un’ottima alternativa al classico prodotto di origine vaccina.

Le controindicazioni

La crusca d’avena è in grado di determinare la produzione di molti gas intestinali, che causano gonfiore addominale. Dovremmo sempre cercare di far abituare progressivamente il nostro corpo all’introduzione di una grande quantità di fibre.

E’ importante, inoltre, che questo cereale venga masticato per bene, altrimenti può causare blocchi intestinali. E’ fondamentale, quindi, che stiano attenti coloro che soffrono di difficoltà di masticazione o di deglutizione, che per esempio possono essere causate da ictus, dall’uso di protesi dentarie o da mancanza di denti.

Attenzione particolare deve essere prestata anche da chi soffre di allergia al nichel, in quanto l’avena potrebbe non essere tollerata. Via libera, invece, come abbiamo già detto, per chi soffre di celiachia o di intolleranza al glutine visto che l’avena ne è priva.