Appendicite: sintomi, cause e rimedi

Non sottovalutare i sintomi dell'appendicite, mai!

appendicite sintomi cause rimedi

Articolo aggiornato il 8 Gennaio 2024

appendicite sintomi cause rimedi

Appendicite: quali sono i sintomi, le cause e i rimedi? Il disturbo si presenta in maniera dolorosa in seguito all’infezione dell’appendice, che si trova attaccata all’intestino crasso, nella parte inferiore a destra dell’addome. Non è ancora stato spiegato in maniera precisa il funzionamento dell’appendice. Secondo alcune teorie, potrebbe svolgere un ruolo nel sistema immunitario. La sua rimozione, però, non sembra influire sulla salute dell’individuo. Proprio per questo motivo, per la terapia dell’appendicite, si fa ricorso di solito ad un intervento chirurgico, che prevede proprio l’asportazione dell’appendice.

I sintomi

Fra i sintomi dell’appendicite, quello principale è costituito dal dolore addominale. Questo in genere si presenta improvvisamente. Inizia nella parte vicina all’ombelico e continua ad espandersi più in basso e verso destra. E’ una sensazione dolorosa mai avvertita in altre occasioni; tende a peggiorare in poche ore e aumenta di intensità. Quando ci si muove, si respira, si tossisce o si starnutisce, peggiora. Le manifestazioni sintomatologiche dell’appendicite comprendono anche nausea, vomito, la presenza di una febbre leggera, gonfiore addominale, stitichezza o diarrea, incapacità di espellere i gas intestinali. Gli indicatori comuni dell’appendicite includono:

  1. Dolore Addominale:
    • Inizia intorno all’ombelico e può spostarsi verso la parte inferiore destra dell’addome.
    • Potrebbe anche iniziare direttamente nella parte inferiore destra dell’addome.
    • Aumenta gradualmente nel tempo.
    • Si intensifica con il movimento, la respirazione profonda, il contatto fisico e la tosse o gli starnuti.
    • Può irradiarsi su tutta l’addome se l’appendice si rompe.
  2. Altri Sintomi:
    • Dolore allo stomaco e vomito.
    • Perdita di appetito.
    • Febbre e brividi.
    • Difficoltà a evacuare (stipsi) o feci molli (diarrea).
    • Difficoltà nel passaggio del gas.
    • Addome gonfio.

Nota Importante: Non assumere farmaci antidolorifici, poiché possono mascherare sintomi rilevanti per il medico. I sintomi dell’appendicite possono essere simili a quelli di altre condizioni. È sempre consigliabile consultare il medico per una diagnosi accurata.

 

Le cause

Le cause dell’appendicite sono da rintracciare in un’ostruzione dell’interno dell’appendice. Accade che, in questo modo, il muco che viene prodotto retroceda, causando la moltiplicazione dei batteri che di solito si trovano all’interno. L’appendice, quindi, si gonfia e si infetta. Cause di ostruzione possono essere le feci, i parassiti, la presenza di corpi estranei e, in casi rari, la presenza di tumori o di una crescita anormale del tessuto linfatico, come, per esempio, si verifica nel morbo di Crohn.

curare appendicite antibiotici

Se sospetti di avere un’appendicite, è importante cercare assistenza medica immediata. L’appendicite è considerata un’urgente emergenza medica e richiede un intervento chirurgico il più rapidamente possibile per evitare complicazioni gravi, come la rottura dell’appendice e la diffusione di infezioni nell’addome. Il trattamento principale per l’appendicite è l’appendicectomia, che consiste nella rimozione chirurgica dell’appendice. Questo intervento può essere eseguito mediante un approccio chirurgico aperto o mediante laparoscopia:

  1. Metodo chirurgico aperto (tradizionale):
    • Viene praticato un taglio (incisione) nella parte inferiore destra della pancia.
    • Il chirurgo trova l’appendice e la rimuove.
    • Se l’appendice è scoppiata, potrebbe essere posizionato uno shunt per drenare liquidi presenti nella pancia.
    • Il recupero richiede alcuni giorni.
  2. Metodo laparoscopico:
    • Vengono praticate diverse piccole incisioni nella pancia.
    • Una fotocamera (laparoscopio) e strumenti chirurgici vengono inseriti attraverso queste incisioni.
    • Il chirurgo rimuove l’appendice con l’aiuto di strumenti laparoscopici.
    • Anche se l’appendice è scoppiata, in alcuni casi può essere eseguita la laparoscopia.
    • Il recupero può essere più rapido rispetto al metodo aperto.

Dopo l’intervento, il recupero di solito richiede solo pochi giorni se l’appendice non è scoppiata. Nel caso di un’appendicite scoppiata, il periodo di recupero potrebbe essere più lungo, e possono essere prescritti antibiotici. Non sono solitamente necessari cambiamenti significativi nella dieta o nell’esercizio fisico dopo l’asportazione dell’appendice, e la maggior parte delle persone può continuare a condurre una vita normale.

I rimedi

E’ necessario intervenire subito con i rimedi per l’appendicite, perché, quando l’appendice è infiammata, se non viene rimossa potrebbe scoppiare, determinando il verificarsi della peritonite, un’infezione diffusa nell’addome. In genere si fa ricorso all’intervento chirurgico, che viene programmato in tempi immediati. Si tratta dell’appendicectomia e serve a rimuovere l’appendice. L’operazione si può eseguire in due modi. Il metodo più tradizionale è la laparotomia: si pratica un’incisione nell’area inferiore destra dell’addome e si procede alla rimozione. Un metodo nuovo è la video-laparo-appendicectomia: si usano strumenti appositi, con i quali vengono praticate incisioni più piccole. Questo secondo metodo causa meno complicazioni e permette una ripresa più veloce. Può capitare che, se non si interviene in tempo, l’appendice scoppi; si forma così un ascesso, una massa piena di pus, che può essere trattato durante l’intervento o drenato prima dell’operazione. Quando il paziente non può sottoporsi all’intervento chirurgico, si procede alla cura attraverso antibiotici o una dieta di liquidi o leggera, per permettere all’infezione di guarire.

L’appendicite è una condizione in cui l’appendice si infiamma e può verificarsi quando l’interno dell’appendice è ostruito. Questo può essere causato da varie infezioni, come virus, batteri o parassiti presenti nel tratto digestivo. Altri fattori, come il blocco del tubo che collega l’intestino crasso all’appendice, possono contribuire all’insorgenza dell’appendicite. In alcuni casi, i tumori possono essere responsabili di questa condizione. I sintomi dell’appendicite includono dolore addominale, perdita di appetito, febbre, difficoltà a evacuare o feci molli, e un addome gonfio. Questa condizione è considerata un’urgenza medica, poiché l’appendice può infettarsi e scoppiare entro 48-72 ore dalla comparsa dei sintomi.

appendicite da uomo
appendicite da uomo – Pixabay – Pexels.com

Quando l’appendice si gonfia, l’afflusso di sangue può essere interrotto, portando alla morte dell’appendice. Se non trattata, può verificarsi la rottura dell’appendice, con il rischio di diffusione di infezioni gravi nell’addome, causando una condizione chiamata peritonite. La peritonite è un’infiammazione del peritoneo, il rivestimento interno dell’addome, ed è considerata una situazione di emergenza medica che richiede un intervento immediato. Consultare un medico tempestivamente è fondamentale per evitare complicazioni pericolose per la vita.

Quali sono le complicazioni dell’appendicite?

L’appendicite è una condizione medica seria e richiede un intervento tempestivo per evitare complicazioni potenzialmente letali. Il rischio principale associato all’appendicite è la rottura dell’appendice, che può portare a un’infiammazione della cavità addominale nota come peritonite. Alcune delle complicazioni più gravi dell’appendicite includono:

  1. Peritonite:
    • Se l’appendice si rompe, i batteri presenti nell’appendice possono infettare il peritoneo, il rivestimento dell’addome.
    • Sintomi di peritonite possono includere dolore addominale intenso e continuo, nausea, febbre, tachicardia, difficoltà respiratorie e gonfiore dell’addome.
    • La peritonite è un’emergenza medica e richiede trattamento immediato con antibiotici e spesso intervento chirurgico per rimuovere l’appendice.
  2. Ascessi:
    • In alcuni casi, un ascesso (una raccolta di pus) può formarsi attorno a un’appendice scoppiata.
    • Gli ascessi possono causare dolore e richiedere il drenaggio chirurgico o sotto guida ecografica o TC.
    • Il trattamento può includere antibiotici e la pulizia dell’area colpita.

È fondamentale cercare immediatamente assistenza medica se si sospetta un’appendicite, poiché la rottura dell’appendice può portare a complicazioni gravi e mettere a rischio la vita. L’intervento chirurgico per rimuovere l’appendice (appendicectomia) è il trattamento principale e deve essere eseguito il più presto possibile.

Dolore da appendicite – Pexels.com

L’intervento chirurgico per rimuovere l’appendice è, in linea di massima, sicuro, ma possono verificarsi diverse complicazioni dopo la chirurgia, sia che sia stata eseguita in laparoscopia o mediante laparotomia aperta. Alcune delle possibili complicazioni includono infezione del sito chirurgico, formazione di un ascesso nell’addome, sviluppo di una fistola tra l’intestino o lo stomaco e la pelle, ostruzione dell’intestino tenue, ileo (una condizione in cui l’intestino non funziona correttamente) e la formazione di aderenze addominali, che sono fasce di tessuto cicatriziale simili a cicatrici. Le aderenze addominali possono verificarsi dopo l’intervento chirurgico, causando un’adesione tra i tessuti addominali e gli organi. Mentre la maggior parte delle aderenze è indolore e può migliorare senza intervento chirurgico, in alcuni casi potrebbero causare problemi che richiedono trattamento.

L’appendicite si può risolvere senza chirurgia?

I test di appendicite di solito coinvolgono esami del sangue e test di imaging, come ecografia addominale o TAC, per valutare l’infiammazione e l’ingrossamento dell’appendice. In alcuni casi, durante l’intervento chirurgico, un chirurgo potrebbe trovare un’appendice normale e decidere di rimuoverla per prevenire futuri episodi di appendicite. L’uso di antibiotici è comune nel trattamento dell’appendicite, ma la chirurgia rimane lo standard di cura. Dopo l’intervento chirurgico, è probabile che tu guarisca completamente dall’appendicite senza la necessità di apportare modifiche significative alla tua vita quotidiana. Il periodo di recupero può variare, e il tuo chirurgo fornirà indicazioni specifiche per la tua situazione.

L’appendicite è un’infiammazione dell’appendice, un piccolo organo situato nell’addome. Mentre è possibile che l’appendicite si risolva spontaneamente se la causa sottostante scompare improvvisamente, ciò è considerato improbabile. Può accadere se un’ostruzione nell’appendice si sblocca e passa attraverso l’intestino o se un’infezione che causava l’infiammazione migliora improvvisamente. Tuttavia, non è consigliabile presumere che ciò sia avvenuto o avverrà, anche se i sintomi del dolore si riducono. La maggior parte dei casi di appendicite richiede trattamento, generalmente con antibiotici, anche se non si manifestava un’infezione iniziale. Gli antibiotici sono spesso somministrati come misura preventiva prima dell’intervento chirurgico per rimuovere l’appendice.

In alcune situazioni di appendicite molto precoce e lieve, il medico potrebbe adottare un approccio di attesa per vedere se le condizioni migliorano con gli antibiotici. Tuttavia, questa opzione è raramente consigliata, poiché l’appendicite tende a recidivare quando l’appendice non viene rimossa. Il trattamento chirurgico, noto come appendicectomia, è la procedura standard per l’appendicite. Gli antibiotici possono anche essere somministrati per alleviare il dolore, e in alcuni casi, possono essere necessari farmaci attraverso la flebo. Dopo l’appendicectomia, il recupero può variare a seconda della procedura utilizzata. Nella maggior parte dei casi, le persone si riprendono completamente entro sei settimane. Il riconoscimento e il trattamento precoci migliorano le prospettive di recupero. Se l’appendicite è complicata, il recupero potrebbe richiedere più tempo, e trattamenti aggiuntivi possono essere necessari per gestire eventuali infezioni diffuse.

È fondamentale rivolgersi immediatamente a un medico se si sospetta di avere appendicite, specialmente se si verificano dolori addominali nel quadrante inferiore destro che peggiorano, sono accompagnati da nausea, febbre o sensibilità al tatto. L’appendicite è considerata un’urgenza medica, e un intervento tempestivo può prevenire complicazioni gravi come la rottura dell’appendice.

Qui trovi tutte le offerte a prezzi bassi su Amazon