Appendicite, dove prendono i dolori e come capire quando intervenire immediatamente

Appendicite sintomi
Appendicite, i sintomi da riconoscere per tempo – Tantasalute.it

Articolo aggiornato il 1 Novembre 2023

L’appendicite è un’infiammazione dell’appendice, un piccolo organo a forma di verme situato nella parte inferiore del colon destro. Conoscere i sintomi è fondamentale per intervenire precocemente.

L’infiammazione dell’appendice è condizione può colpire persone di qualsiasi età, ma è più comune nei giovani adulti. Riconoscere i segnali permette di intervenire tempestivamente per evitare complicazioni potenzialmente pericolose per la salute e, a volte, per la vita.

Il dolore tipico dell’appendicite inizia nel quadrante inferiore destro dell’addome, ma potrebbe diffondersi in altre zone dell’addome nel corso del tempo. Una sensazione generale di malessere e dolore sordo potrebbe iniziare nel centro dello stomaco o intorno all’ombelico. Successivamente, il dolore può spostarsi verso il fianco destro e concentrarsi nell’area dell’appendice infiammata.

Quali sono i sintomi dell’appendicite

Oltre al dolore, ci sono altri sintomi comuni associati all’appendicite che possono aiutare a riconoscere la condizione e ad agire tempestivamente. Non solo, quindi, nausea, vomito, perdita di appetito e febbre, ma anche gonfiore addominale ed cambiamenti nelle abitudini intestinali, quindi stitichezza o diarrea.

appendicite segnali
A cosa bisogna fare attenzione se si crede di avere l’appendicite (tantasalute.it)

L’infiammazione dell’appendice può progredire rapidamente verso una grave infezione chiamata peritonite. Questa condizione può causare danni permanenti all’addome e persino mettere a rischio la vita del paziente. Per questo motivo, è fondamentale intervenire immediatamente in caso di sospetta appendicite.

Se si sperimenta un dolore addominale intenso e persistente, specialmente nella zona inferiore destra, accompagnato da uno o più dei sintomi sopra menzionati, è importante cercare assistenza medica immediata. Trattare l’appendicite in una fase precoce può prevenire complicazioni gravi e ridurre il rischio di infezioni.

Il medico valuterà i sintomi e condurrà un esame fisico per cercare eventuali segni di appendicite. Potrebbe essere richiesto un esame del sangue per determinare i livelli di globuli bianchi, che sono spesso elevati in caso di infezione. In alcuni casi, potrebbe essere necessaria anche una scansione ecografica o una tomografia computerizzata per confermare la diagnosi.

In caso di infiammazione dell’appendice confermata, l’intervento chirurgico d’urgenza per rimuovere l’appendice infiammata è spesso necessario. Questa procedura, chiamata appendicectomia, viene solitamente eseguita laparoscopicamente, attraverso piccole incisioni nell’addome, permettendo così una rapida guarigione e un minore rischio di complicazioni.

Non trascurare i sintomi dell’appendicite o lasciarli senza controllo. Sebbene l’appendicite possa sembrare un semplice mal di pancia, può portare a gravi conseguenze se non trattata prontamente. È importante essere consapevoli dei segnali, ascoltare il proprio corpo e consultare immediatamente un medico in caso di sospetta appendicite. La pronta reazione può fare la differenza tra una semplice infiammazione e una grave emergenza medica.