Ansia e depressione? Ecco la terapia che funziona con successo

Gli esperti considerano la terapia cognitivo comportamentale (CBT) come la psicoterapia di successo da utilizzare in caso di un'ampia gamma di malattie mentali. Scopriamo di più.

Ragazzo in psicoterapia con una psicologa
Foto Pixels | cottonbro

Articolo aggiornato il 6 Dicembre 2023

Gli esperti considerano la terapia cognitivo comportamentale (CBT) come la psicoterapia di successo da utilizzare in caso di un’ampia gamma di malattie mentali.

La terapia cognitivo comportamentale si basa sull’identificazione della fonte dei pensieri negativi e sulla loro trasformazione in pensieri neutri o positivi. Ciò influisce sull’umore e sul comportamento. Il focus si pone solo sul presente, sul qui ed ora.

Cos’è la terapia cognitivo comportamentale?

La terapia cognitivo comportamentale si basa sull’idea che i tuoi pensieri hanno un impatto importante sul tuo umore e sui tuoi sentimenti. Questo significa che puoi cambiare le tue emozioni e il tuo comportamento, se sai come affrontare i pensieri e i retro-pensieri.

Lo psichiatra Aaron Beck ha sviluppato la questa terapia nel 1960, originariamente per curare la depressione. Ha riconosciuto che le persone depresse o sono soggette a distorsioni cognitive o tendono a pensare negativamente di sé stesse e degli altri. Ciò influenza in particolare il modo in cui interagiscono con il mondo che li circonda, ma anche il modo in cui percepiscono se stessi.

La CBT è una psicoterapia molto efficace. Non solo perché numerosi studi lo hanno dimostrato, ma anche perché funziona bene con diversi disturbi mentali.

Nella terapia cognitivo comportamentale, i clienti imparano a sostituire schemi di pensiero negativi consolidati con quelli nuovi e positivi.

Il tuo terapeuta seguirà alcuni processi con te in modo che tu possa riconoscere i tuoi schemi di pensiero e comportamento: schemi che potrebbero limitarti o influenzarti nella tua vita quotidiana.

Per quali patologie è utile la terapia cognitivo comportamentale?

Questo tipo di psicoterapia è utilissima contro la depressione; uno studio del 2021 ha rilevato che la CBT può aiutare a curare la depressione ed è efficace quanto gli antidepressivi.
Disturbi d’ansia: la psicologa Laurel Steinberger afferma che la CBT aiuta a rompere le spirali di pensiero negativo che peggiorano i disturbi d’ansia.

Disturbo post- traumatico da stress (PTSD): la CBT aiuta i malati ad alleviare i loro sintomi. I veterani, i rifugiati e coloro che hanno subito disastri naturali o abusi sessuali traggono particolare beneficio da questa terapia. Dopo la terapia cognitivo-comportamentale, fino all’82% dei partecipanti non aveva più i sintomi del disturbo da stress post-traumatico.

Disturbi alimentari: la CBT può aiutare a rivelare le distorsioni cognitive sottostanti che sono caratteristiche dei disturbi alimentari.
Abuso di sostanze: uno studio del 2021 mostra che la CBT ha dimostrato di essere un trattamento efficace per le persone con dipendenze da alcol, marijuana, cocaina e oppioidi. La CBT non solo ha ridotto al minimo il desiderio per le sostanze, ma anche sintomi come sbalzi d’umore e ansia.
Disturbo ossessivo compulsivo, attacchi di panico, fobia sociale.