Anoressia: come riconoscere questa malattia insidiosa in tempo

L'anoressia inizia spesso in modo innocuo: le persone colpite a volte vogliono perdere solo due o tre chili e così iniziano a mangiare meno e fare sport. Solo che poi si ritrovano nel loop dell'anoressia. Come riconoscere questa malattia insidiosa?

Ragazza orientale triste
anoressia come riconoscerla in tempo Foto Pexels | Ike louie Natividad

Come riuscire a riconoscere in tempo che il desiderio di perdere peso è patologico? E quali terapie sono disponibili?
L’anoressia inizia spesso in modo innocuo: le persone colpite a volte vogliono perdere solo due o tre chili e così iniziano a mangiare meno e fare sport. Solo che poi si ritrovano nel loop dell’anoressia e all’improvviso dimagriscono sempre di più.

Come riconoscere in tempo l’anoressia?

Ragazza di colore che fa il gesto di stare in silenzio
riconoscere l’anoressia
Foto Pexels | Lascot Studio

Orgogliosi dei propri successi e motivati ​​dai complimenti di genitori e amici, coloro che cadono nel tunnel dell’anoressia, muoiono di fame e continuano a fare sport.

Alla fine perdono di vista l’obiettivo e il loro corpo diventa uno scheletro. Nonostante ciò, queste persone guardandosi allo specchio si vedono ancora in sovrappeso.

La situazione peggiora sempre di più. Mentre in passato scivolavano nell’anoressia principalmente adolescenti di età compresa tra i 14 ei 16 anni, ora anche le ragazze di dieci e undici anni vengono curate in cliniche specializzate.

Solo una persona su due riesce a superare definitivamente l’anoressia. Per quasi una persona su dieci, la malattia è fatale. Il corpo emaciato smette di funzionare. Il cuore si ferma.

Quali sono i sintomi dell’anoressia?

Anche se i tuoi amici dicono che sei magro, stai facendo tutto il possibile per perdere ancora più peso? Conosci il contenuto calorico di una pastiglia vitaminica? Sai per quanto tempo devi fare jogging prima che le calorie di una mela si consumino? Hai mai preso lassativi o soppressori dell’appetito? Se hai risposto sì a queste domande, potresti essere anoressica o sulla via dell’anoressia.

Le persone colpite di solito non si rendono conto di essere anoressiche. Anche i genitori spesso non si accorgono di nulla: le anoressiche di solito negano e nascondono molto abilmente la malattia.

I sintomi dell’anoressia sono i seguenti:

  • il peso del paziente è almeno del 15 percento inferiore al peso normale più basso;
  • il paziente ha paura di ingrassare;
  • disturbi mestruali.

Le anoressiche evitano di mangiare con gli altri e di solito usano scuse come: “Ho già mangiato”. “Io non ho fame.” “Porterò il cibo in camera mia, devo studiare urgentemente.”

Quasi sempre fanno sport compulsivamente. Alcuni vomitano per sbarazzarsi delle calorie. Alcune anoressiche assumono soppressori dell’appetito, lassativi o diuretici.

Molte persone anoressiche salgono sulla bilancia più volte al giorno e registrano ogni grammo che perdono o guadagnano.

Con il tempo la pelle diventa secca, le unghie diventano opache, i capelli cadono. Le ossa diventano fragili. Prima o poi, il metabolismo deraglia. Il cuore può perdere il ritmo e alla fine fermarsi.

Una soluzione valida è la psicoterapia

La mente è ricettiva alla psicoterapia solo quando i pensieri non ruotano più costantemente attorno ai temi del cibo e del peso corporeo. In questa fase del trattamento le persone colpite imparano, ad esempio, ad affrontare le proprie paure, parlare della propria autostima, analizzare i rapporti familiari e cercare di percepire e accettare il proprio corpo in modo nuovo.

Di norma, gli psicoterapeuti cercheranno di coinvolgere genitori e parenti nel trattamento. In terapia, puoi imparare come affrontare meglio le situazioni di conflitto nella vita di tutti i giorni.

Non esiste una pillola per l’anoressia. Non appena il corpo è abbastanza forte, speciali antidepressivi (i cosiddetti inibitori della ricaptazione della serotonina) possono aiutare a scacciare paure profonde e compulsioni persistenti. Tuttavia, non funzionano contro l’anoressia stessa.

Studi scientifici hanno dimostrato che gli antidepressivi, specialmente nei bambini e negli adolescenti con anoressia, non possono prevenire le ricadute o accelerare il recupero.