Allergie: sono in arrivo quelle causate da smog e pollini

Nonostante le basse temperature, sono in arrivo le allergie ai pollini, anche a causa della scarsità di piogge; saranno circa 18 milioni gli italiani soggetti a questo

allergie smog pollini

allergie smog polliniSono in arrivo le allergie ai pollini, favorite anche dallo smog, nonostante le temperature non molto alte. Saranno veramente tanti gli italiani che dovranno avere a che fare con questi disturbi. Anche se inizialmente si pensava che le temperature basse dell’ultimo periodo avessero bloccato l’ambiente ideale per la fioritura e quindi la liberazione dei pollini nell’aria, la mancanza di piogge, associato alle polveri sottili del traffico, ha permesso ciò. Infatti, le piante e i fiori non hanno subito nessun ritardo nella fioritura.

Quindi ci si aspetta che tra aprile e maggio ci sia la pollinazione delle graminacee e conseguenti allergie. Secondo i dati statistici saranno, circa, 18 milioni gli italiani allergici che presenteranno i sintomi classici dell’allergia ai pollini, come naso chiuso, starnuti, asma, rossore e lacrimazione degli occhi. Dopo i pollini di cipresso e mimosa, ci saranno quelli delle parietarie. Per ovviare a questi problemi bisognerebbe giocare d’anticipo e risolvere o attenuare i disturbi con le terapie adatte.
 
Innanzitutto, è utile consultare il proprio medico ed eseguire i test allergometrici, per scoprire a quale sostanza o elemento si è allergici. In modo tale che si possa prevenire il più possibile la sintomatologia allergica, evitando l’allergene in questione e iniziando la terapia antistaminica il prima possibile. È consigliabile rivolgersi sempre e comunque al medico specialista.