Giornata mondiale del disturbo bipolare: l’obiettivo è abbattere lo stigma intorno alla malattia

Il messaggio della Giornata di quest'anno è: "Forza per oggi, Speranza per domani", mentre l'obiettivo è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica, e non solo, su questa malattia mentale

Foto Shutterstock | Lightspring

Oggi si celebra la Giornata mondiale del disturbo bipolare. La data scelta per sensibilizzare su questa malattia non è casuale. Il 30 marzo 1853, infatti, è nato a Zundert, nei Paesi Bassi, Vincent Van Gogh. Proprio il celebre artista, dopo la morte, è stato inquadrato come probabile personalità borderline e disturbo bipolare.

Questa importante giornata, ufficialmente annunciata nel 2014 a Seul, ha come obiettivo quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla malattia. Ma non solo. Perché vuole anche provare ad eliminare lo stigma sociale che ruota intorno al disturbo bipolare.

Cos’è il disturbo bipolare e perché è importante abbattere lo stigma intorno a questa malattia

A tutti, infatti, può essere diagnosticato questo disturbo che causa cambiamenti insolito d’umore, delle energie, dei livelli di attività e capacità di svolgere le azioni della quotidianità.

Inoltre, è spesso difficile individuarne le cause. Ma, secondo quanto emerso, il rischio di sviluppare il disturbo bipolare è maggiore nel 20% per i familiari di primo grado dei pazienti.

Infine, sono diverse le cause che possono scatenare questa malattia mentale: gravi irregolarità nel sonno, consumo eccessivo di alcol, caffè e droghe. Ma anche: bassa qualità della vita e utilizzo di alcuni farmaci. Quindi, la combinazione di queste cause unita a quelle genetiche può, in alcuni casi, causare questa malattia mentale.

Secondo le ultime ricerche, è stato stimato che la prevalenza globale del disturbo bipolare sia compresa tra l’1% e il 2%, ma possa arrivare a toccare anche il 5%.

Una sfida per i pazienti, ma non solo

Il disturbo bipolare è una malattia mentale che rappresenta una sfida in primis per i pazienti, ma non solo. Perché riguarda anche i familiari, gli operatori sanitari e l’intera comunità. E se in diversi Paesi lo stigma nei confronti di questa malattia è stato abbattuto, in altri questo, associato alla malattia, impedisce la diagnosi precoce e il trattamento adeguato di questo disturbo.

La giornata di oggi, quindi, costituisce per tutti un momento di riflessione importante. Questo non solo per imparare qualcosa di più su questa malattia, ma anche per capire come trattarlo, aiutando nel nostro piccolo ad abolire lo stigma che gira intorno a questa malattia.

Per la Giornata mondiale del disturbo bipolare di quest’anno il messaggio scelto è: “Forza per oggi, speranza per domani”. Questo può essere anche condiviso sui social, attraverso diversi hashtag: #WorldBipolarDay #WBD e #WBD2021.