Vitamine: quelle del gruppo B si studiano al museo

Vitamine: quelle del gruppo B si studiano al museo

Approfondire la conoscenza delle vitamine del gruppo B, così importanti per l'organismo, divertendosi? Dal 23 ottobre sarà possibile a Milano, presso l'i

da in Acido Folico, Alimentazione, Benessere, In Evidenza, Integratori, Vitamina B, Vitamina B12, Vitamina B6
Ultimo aggiornamento:

    Vitamine del gruppo B al museo

    Vitamina B1 (tiamina), B2 (o riboflavina), B3 (anche nota come PP), B5 (o acido pantotenico), B6, B7, B9 (o acido folico), e B12: sono loro le vitamine del gruppo B, così importanti per l’organismo perché garantiscono numerose e differenti funzioni indispensabili per la salute.

    Per esempio favoriscono l’efficienza intellettuale e i riflessi, stimolano l’appetito, lavorano nella formazione degli anticorpi, aiutano a contrastare la fatica fisica e metnale, sono importanti per riparare i danni a pelle e capelli e per prevenire malattie fetali e alcuni disturbi della gravidanza (pensiamo per esempio all’acido folico), abbassano i livelli di colesterolo.

    “Dato che le vitamine del gruppo B non sono sintetizzabili nell’uomo (se non in piccola e parziale quantità dalla flora batterica intestinale), devono essere assunte con la dieta e, se questa non è sufficiente, tramite un’integrazione” spiega il professor Paolo Magni, docente e ricercatore presso la Facoltà di Farmacia, Università degli Studi di Milano nel settore dell’Endocrinologia, Metabolismo e Nutrizione ed esperto di Nutrizione.

    Ma non tutti, soprattutto tra i giovani e i giovanissimi, sono così informati sull’importanza delle vitamine del gruppo B. E infatti la carenza di questi nutrienti non è così infrequente: “Uno studio condotto in Spagna nell’arco di nove anni, ha identificato carenze di vitamine B1, B2 e B6 in oltre il 50% della popolazione” conferma il professor Magni.

    Ecco allora che i.lab Alimentazione, il laboratorio interattivo dedicato all’alimentazione del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, dedicherà una serie di esperienze interattive proprio a queste vitamine che “Sono legate in maniera indissolubile fra loro e hanno la massima efficacia quando agiscono in gruppo.

    Ecco perché si parla sempre di gruppo B” ricorda il professore. Dal 23 ottobre bambini e i ragazzi potranno conoscere la quantità necessaria di nutrienti da assumere ogni giorno, i benefici confermati dalla scienza di ogni singola vitamina, gli alimenti in cui sono contenute e sono disponibili per l’organismo umano, le procedure di cottura e di preparazione dei cibi che possono interferire con questi nutrienti e, ancora, quando può essere necessario ricorrere agli integratori.

    Tutto questo in modo divertente e coinvolgente in un nuovo laboratorio interattivo, dove si “incrociano” una cucina con dispensa e frigorifero e un vero e proprio laboratorio con microscopi a misura dei più piccoli. Saranno infatti i visitatori, anche adulti, a realizzare gli esperimenti, sotto la guida di un animatore scientifico: un modo per conoscere divertendosi ed educare a uno stile di vita alimentare più salutare e consapevole.

    551

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Acido FolicoAlimentazioneBenessereIn EvidenzaIntegratoriVitamina BVitamina B12Vitamina B6
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI