Vitamine: il loro ruolo nella salute della donna

Vitamine: il loro ruolo nella salute della donna

Non è che una delle conoscenze in più che oggi la moderna medicina ha nei confronti delle malattie riguardo alle vitamine, così come, uno studio americano annette nuova importanza al ruolo della colina o vitamina J simile alle vitamine del Gruppo B che si ritrova in larga misura nel latte scremato, caffè, fegato, uova, etc

da in Alimentazione, Benessere, Gravidanza, In Evidenza, Menopausa, Salute Donna, Vitamine
Ultimo aggiornamento:

    benessere donna

    Per diversi decenni alla vitamina C erano ascritte proprietà solamente atte ad aiutare al meglio l’organismo al fine di difendersi dagli attacchi di agenti patogeni esterni; pensiamo all’influenza, alle malattie respiratorie di origine per lo più virale; ma oggi nuovi compiti spettano a quest’importante vitamina; un esempio, la regolazione della pressione arteriosa.

    Non è che una delle conoscenze in più che oggi la moderna medicina ha nei confronti delle malattie riguardo alle vitamine, così come, uno studio americano annette nuova importanza al ruolo della colina o vitamina J simile alle vitamine del Gruppo B che si ritrova in larga misura nel latte scremato, caffè, fegato, uova, etc. e che agirebbe nella prevenzione del tumore in genere.

    Insomma, questo millennio sarà caratterizzato da sempre nuove acquisizioni scientifiche riguardo le vitamine non più con lo stesso accostamento che nei decenni passati si era fatto ma con un’analisi più approfondita, vitamina per vitamina e ruoli che esse detengono nel contrasto alle malattie.

    Ad esempio, la vitamina E si associa ad un benessere aggiunto in gravidanza ed in menopausa; in gravidanza la donna dovrebbe seguire un’alimentazione che scongiuri l’impoverimento di alcune vitamine e dunque andare incontro a carenze che la portino all’ ipovitaminosi. Per ovviare a ciò occorre che la gravida sega una dieta ricca e quanto mai variegata, ma a volte c’è proprio bisogno del ricorso agli integratori alimentari, purchè solamente consigliati dal medico.

    Anche in menopausa diviene quanto mai importante l’apporto della giusta dose di vitamine ed in particolar modo di vitamina D, A, B2; la D perché si oppone alla perdita di tessuto osseo causato dall’osteoporosi, la A per contrastare il calo della vista, la B2 per opporsi alla perdita di tessuto a carico di pelle e unghia.

    Anche nella sindrome premestruale le vitamine giuste possono opporsi all’irritabilità, alla malinconia, allo stress e dunque in questo caso vanno benissimo le vitamine B6 e B7, quest’ultima anche conosciuta come Inositolo che è un vero e proprio, sia pure blando, ansiolitico naturale che si reperisce nel lievito di birra, nella soia e nelle noci.

    La stessa cosa vale per le vene varicose, dove l’apporto di bioflavonoidi diviene quanto mai importante. Torna dunque alla ribalta il ruolo degli integratori, poco utili quando la dieta è povera e disordinata, oppure in presenza di malattie che abbiano causato un depauperamento di sostanze nutritive; una per tutte la diarrea. Una cosa è sempre utile ricordare, quella di evitare sempre il fai da te anche con gli integratori e non solo con i farmaci, visto che in certi casi tale modus operandi può essere assai pericoloso!

    507

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBenessereGravidanzaIn EvidenzaMenopausaSalute DonnaVitamine
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI