Vitamina B, alleata contro l’Alzheimer

Vitamina B, alleata contro l’Alzheimer

La vitamina B potrebbe essere una preziosa alleata contro l'Alzheimer: non si tratta di una pillola miracolosa, ma di una scoperta che potrebbe aprire nuovi scenari di prevenzione della malattia

da in Alimentazione, Alzheimer, Malattie, News Salute, Vitamina B
Ultimo aggiornamento:

    La vitamina B contrasta l’Alzheimer

    La giusta dose di vitamina B ogni giorno per combattere o, meglio, tentare di prevenire l’insorgenza di una malattia neurologica degenerativa terribile, l’Alzheimer. Proprio così, dosi abbondanti di vitamina B, somministrate con regolarità e cadenza quotidiana, secondo un recente studio, sarebbero l’alleato migliore per contrastare la comparsa e lo sviluppo della patologia.

    Sarebbero proprio gli alti livelli di vitamina B a dimezzare l’atrofizzazione del cervello nelle persone anziane, che hanno già sviluppato qualche deficit cognitivo e problemi di memoria, prevenendo la progressione dei disturbi già esistenti verso l’Alzheimer vero e proprio.

    Vitamina B contro l’Alzheimer, o meglio, utile per prevenirne la comparsa? Secondo il gruppo di ricercatori britannici di Oxford, sembrerebbe proprio di sì, almeno stando ai risultati del loro studio, durato circa due anni, sugli effetti della vitamina B sui pazienti affetti da indebolimento cognitivo medio, uno dei fattori di rischio principali per l’insorgenza dell’Alzheimer.

    Mci, l’indebolimento cognitivo medio, è una condizione che interessa una larga fetta della popolazione over 70, circa il 16%, ed è caratterizzata, soprattutto, da problemi di memoria, difficoltà nell’articolazione delle parole e altri deficit cognitivi.

    Secondo le stime degli esperti, ben il 50% dei soggetti con Mci, sono destinati a essere colpiti dall’Alzheimer nell’arco di 5 anni.

    Somministrando ai volontari coinvolti nella sperimentazione una pillola con forti dosi di vitamina B6, B12 e acido folico, i ricercatori hanno evidenziato che, con il trattamento, il cervello si è rimpicciolito dello 0,76% l’anno, contro l’1,08% che si è osservato nei pazienti ai quali è stato somministrato solo placebo.

    337

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneAlzheimerMalattieNews SaluteVitamina B
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI