Vista: protetta grazie agli omega 3

Uno studio americano ha confermato l’importanza dell’assunzione, con dieta o integratori, degli omega 3 (acidi grassi essenziali), per proteggere la vista dalla degenerazione maculare

da , il

    vista protetta omega 3

    Gli omega 3, sostanze importantissime per il nostro organismo per svariati motivi, svolgono un’azione di protezione per la vista. Uno studio americano ha scoperto come la degenerazione maculare, malattia legata all’avanzare dell’età, possa essere prevenuta grazie all’assunzione degli omega 3. Questi ultimi, insieme agli omega 6, rappresentano una categoria di acidi grassi essenziali indispensabili per il funzionamento dell’organismo.

    Gli studiosi del Wilmer Eye Institute, hanno condotto la ricerca presso la Johns Hopkins School of Medicine; monitorando e analizzando clinicamente circa 2.391 anziani. Questi ultimi sono stati sottoposti a visite specialistiche ed esami completi per diagnosticare eventuali problemi alla vista e verificare la loro alimentazione tipo (grazie ad un questionario). Dagli esami è risultato che per caratteristiche assai diverse, i 2.391 anziani si dividevano in tre gruppi: il primo, costituito da 227 persone, presentava la malattia in uno stadio iniziale; il secondo (153 anziani) in una fase intermedia; e il terzo gruppo, composto da 68 volontari, manifestava la patologia ad uno stadio già avanzato. Perché questa distinzione?

    Tra i motivi rilevati dai ricercatori, un fattore importante è stata la correlazione tra la vista e l’alimentazione. Infatti la maggior parte degli anziani del primo e del secondo gruppo, ha una dieta caratterizzata da pesce o frutti di mare (almeno una volta alla settimana), alimenti ricchi di omega 3. Differenza notevole con gli anziani che presentano una degenerazione maculare in fase avanzata, che, invece, non assumono abbastanza acidi grassi essenziali. Questo studio, molto importante per la gravità della malattia che colpisce la zona centrale della retina (prima causa di ipovisione e purtroppo di cecità nelle persone ultra sessantenni appartenenti ai paesi occidentali), ha confermato la grande azione protettiva degli omega 3.