Visnoressici: il ritratto dei nuovi maschi

Visnoressici: il ritratto dei nuovi maschi

La visnoressia e' una malattia del regime alimentare che riguarda i maschi, i quali tra i 12 e i 13 anni, cominciano a soffrire per la carente forma fisica e a sviluppare una patologia maniacale che li porta a misurare i muscoli e a cercare di avere un corpo scolpito e perfetto

da in Anoressia, Benessere, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    Raoul_Bova

    A parlarne e’ la giornalista di medicina Adele Sarno, che ha analizzato il fenomeno dei maschi anoressici, che smettono di mangiare per cause non note e dimagriscono fino a ridursi pelle e ossa e a precipitare nel nuovo male dei ragazzi trendy, la visnoressia, appunto.

    Le stime parlano di dati da brivido, che riguardano all’incirca un giovane su centomila, che si ammala per colpa di un rifiuto del cibo, ma che, rispetto alle donne presenta dei sintomi differenti.

    Il visnoressico tipo e’ maniacale: cerca in tutti i modi di raggiungere la forma fisica perfetta, e per arrivare a questo e’ disposto a qualsiasi sforzo e a qualsiasi sacrificio, non solo regolandosi con una giusta abitudine nel quotidiano, ma esagenrando in controlli e misurazioni.

    Il visnoressico odia il grasso sparso sul corpo e cerca di modellare i muscoli in modo da avere una silouette da fare invidia al David. Non smette esattamente di mangiare, perche’ non vuole perdere massa e inflaccidirsi, ma si sforza per sviluppare i muscoli e per diventare bello.

    La malattia si presenta sempre piu’ presto, e se fino a qualche anno fa erano i giovani a manifestare la necessita’ di essere perfetti, adesso le crisi arrivano al termine dell’infanzia, quando, tra gli 11 e i 13 anni i bambini cominciano a confrontare la propria massa muscolare e a risentire della forma fisica poco gratificante.

    Il corpo del ragazzino rappresenta una specie di icona, da difendere e da mantenere perfetta, per nascondere tutte le altre pecche che possono esserci, e per mostrare una immagine di se’ smagliante e priva di insicurezza.

    Ma i ragazzi che soffrono per un corpo poco modellato e che cercano di curare se stessi, sono tutti gay? Secondo gli esperti non c’e’ da avere questa paura, no, i bambini che stanno male se si vedono flaccidi non saranno dei gay indiscriminatamente; e’ vero che molti ragazzi che sono gay manifestano anche questa insicurezza, ma non e’ vero il contrario.

    La visnoressia fa semplicemente parte di un difficile percorso, che chiede anche ai ragazzi, nella societa’ moderna, di pagare lo scotto della vendita di se stessi attraverso quello che si appare e non attraverso quello che si e’, il prezzo della societa’ della simulazione e dell’immagine, dove anche un muscoletto puo’ fare la differenza.

    Il 10% degli anoressici e dei visnoressici, malati cronici, muore, maschi e femmine, non solo per la malattia del cibo in se’, ma piu’ che altro per le patologie correlate che arrivano nel momento in cui i soggetti sono debilitati, magari, appunto, nel periodo di crisi alimentare, quando sono a dieta.

    Il canone estetico attuale non premia piu’ i magri, dicono, ma nella realta’ non pare che sia cosi’, perche’ la maggior parte delle situazioni estetiche coinvolge i magri: quello che era un fenomeno creato in studio per mettere accento sui prodotti (estetica e vestiti nonche’ oggetti, etc..) riducendo l’impatto della persona sul marchio, e quindi scegliendo corpi anonimi, per uno strano fenomeno del marketing, e’ riuscito a invertire gli obiettivi, trasmettendo il messaggio sbagliato.

    Resta difficile capire come mai questa logica abbia fatto presa nei giovani, ma pare che il fenomeno non sia affatto in calo, dal momento che in fatto di alimentazione sono sempre piu’ numerosi, e purtroppo sempre piu’ gravi, i risultati di una societa’ affatto attenta alle esigenze dei bambini, che sfogano la loro incomprensione dimagrendo, ingrassando o “perfettendosi”.

    668

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnoressiaBenessereNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI