Virus Mayaro: sintomi, cause e rimedi

Virus Mayaro: sintomi, cause e rimedi
da in Infezioni, Virus
Ultimo aggiornamento:

    virus mayaro sintomi cause rimedi

    Virus Mayaro: quali sono le cause, i sintomi e i rimedi? Una nuova infezione causata da questo microrganismo minaccia l’America Latina. Dopo il virus Zika, un altro agente patogeno mette in allerta i Paesi dell’America del Sud, costringendo le autorità dei Paesi interessati dall’epidemia a tenere sotto controllo il diffondersi dell’infezione. Il primo caso recente è stato individuato ad Haiti dagli esperti della Florida University degli Stati Uniti d’America. Le autorità sanitarie hanno messo in allerta la popolazione, consigliando opportune strategie di prevenzione, per evitare il contagio.

    Il virus Mayaro si trasmette in seguito alle punture della zanzara Aedes Aegypti. L’agente patogeno è caratteristico degli ambienti umidi tipici delle foreste tropicali del Sud America. Il microrganismo appartiene al genere degli alphavirus. Il suo genoma è lineare ed è composto da un rna a singolo filamento con più di 11.000 nucleotidi. Le proteine non strutturali svolgono differenti funzioni del ciclo del virus.

    Il ciclo di trasmissione del virus in natura è molto simile a quello che si caratterizza nella trasmissione della febbre gialla. Ha le seguenti peculiarità:

    • le scimmie rappresenterebbero il serbatoio del virus e le zanzare il vettore,
    • le infezioni umane sono fortemente associate con l’esposizione ad ambienti umidi,
    • diversi studi hanno dimostrato che il virus potrebbe adattarsi anche ad ambienti urbani, sempre avendo come vettore le zanzare.

    Il primo focolaio della patologia provocata dal virus Mayaro negli esseri umani è stato individuato in Venezuela nel mese di giugno del 2010 con 69 casi diagnosticati.

    I sintomi dell’infezione trasmessa dal virus Mayaro consistono in:

    • febbre,
    • vertigini,
    • debolezza,
    • affaticamento,
    • dolore alle articolazioni.

    Secondo gli esperti, l’infezione trasmessa da questo virus è rapportabile con una bassa incidenza di diffusione e un livello poco elevato di mortalità.

    Attualmente la ricerca scientifica non è riuscita ad individuare nessuna cura specifica per trattare l’infezione. Ecco perché da parte di molti c’è una seria preoccupazione per la sua diffusione. Le autorità sanitarie hanno fatto notare che potrebbero bastare un paio di mutazioni genetiche perché il virus Mayaro possa diventare più contagioso. Gli studi hanno scoperto che:

    • il fattore di inibizione della migrazione macrofagica (processo dell’organismo sostenuto dai linfociti) può svolgere un ruolo critico nel determinare la gravità clinica dei sintomi muscolo-scheletrici indotti dalla malattia e che sono caratteristici degli alphavirus;
    • questo processo potrebbe portare allo studio dello sviluppo di farmaci antivirali in grado di poter agire nel combattere l’infezione provocata dal virus Mayaro.

    532

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InfezioniVirus
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI