Videocapsula: colonscopia indolore

Videocapsula: colonscopia indolore

Per la diagnostica nel colon una nuova metodologia promette di migliorare in precisione e in completezza: si tratta della colonscopia con videopillola, una pasticca che contiene illuminazioni, antenne e videocamera per riprendere il colon e restituire l'intestino in formato video

da in Analisi Mediche, Colon, Intestino, News Salute, Primo Piano, Tumore al Colon, Colonscopia
Ultimo aggiornamento:

    Colonscopia Pillola

    Finalmente la colonscopia senza dolore, per le visite all’ultimo tratto dell’intestino si può fare riferimento ora alla videocapsula, una capsula vera e propria che ha in sè una telecamera, la quale consente di perlustrare tutto l’ultimo tratto dell’intestino, proponendo poi delle immagini in buona qualità.

    Poco male, anzi, molto bene, per tutti coloro che sono stati sottoposti a una colonscopia nella vita, che ora si trovano a poter scegliere questa tecnica, non ancora applicata in tutte le strutture, per individuare le patologie che possono colpire il colon.

    La videopillola non provoca alcun dolore e riprende tutto il colon e l’intestino per una durata di circa 10 ore. Da cui il fatto che il cancro del colon potrebbe avere finalmente risposta terapeutica, da che si tratta del terzo tipo di tumore per incidenza.

    La videopillola viene ingerita come se fosse una pasticca normale, un pochino più grossa, seguita da un bicchiere di acqua per aiutare la pillola a spostarsi velocemente nell’intestino, dopo di che si cominciano a vedere i video flash, si tratta di veloci sequenze di 4 immagini al secondo, che riportano tutto il percorso del pillolone. Il colon non nasconde più segreti da che è stata creata questa pillolo-camera.

    L’intestino non dovrà contenere residui di cibo, affinchè la telecamera sia in grado di offrire le migliori immagini possibili.

    La colonscopia tradizionale ha dalla sua parte il fatto che va a costare molto meno, ma la capsula non solo può essere usata per le diagnosi, ma anche per lo studio del colon.

    La videocapsula contiene due telecamere con due lucine e una antenna, la sua lunghezza totale è di 31 millimetri per 11 mm ed è la prima candidata per sostituire la colonscopia tradizionale. Con il mese di settembre prossimo sarà proposta a tutte le strutture come alternativa alla tradizionale colonscopia, mentre già viene progettato il nuovo modello, ancora più piccolo e ancora più avanzato tecnologicamente.

    Le immagini sono tratte dal sito internet di Springfield News Leader

    407

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Analisi MedicheColonIntestinoNews SalutePrimo PianoTumore al ColonColonscopia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI