Vesciche ai piedi, cosa fare: i rimedi per prevenirle e curarle

Vesciche ai piedi, cosa fare: i rimedi per prevenirle e curarle
da in Infezioni, Piedi Ultimo aggiornamento:
    Hai le vesciche? Prova questo rimedio naturale

    Vesciche ai piedi: cosa fare? Vediamo quali sono i rimedi per prevenirle e per curarle. Le vesciche ai piedi possono essere davvero fastidiose, quelle piaghe rosse, gonfie e piene di liquido, che si formano quando le scarpe strofinano in maniera ripetuta sulla pelle. A volte sono proprio le scarpe nuove o della misura sbagliata a determinare il problema. Quest’ultimo, però, può insorgere anche in seguito ad un’infezione, che ha causato molto prurito e che non abbiamo resistito a grattare. In generale le vesciche sono una reazione di difesa del nostro corpo, perché esso interviene costituendo un cuscinetto morbido per attutire lo sfregamento e per proteggersi. Esistono, però, dei rimedi per la prevenzione e per medicare anche quelle bolle che si rompono, causando delle ferite.

    Non è facile prevenire le vesciche ai piedi, però è opportuno adottare tutte quelle regole che ci permettono di evitare lo sfregamento e quindi di causare eventuali ferite. Esistono delle creme apposite, a base di ossido di zinco e di magnesio silicato, che hanno l’obiettivo di ammorbidire la pelle e di diminuire gli attriti con le calze. Le dovremmo usare sempre, quando andiamo a correre o a camminare, avendo in mente di svolgere una lunga passeggiata. Le polveri di zinco e di magnesio sono in grado di tenere anche il piede più asciutto, assorbendo il sudore.

    Attenzione deve essere riservata anche alla scelta delle calze: meglio se sottili e prive di cucitura, come quelle che vengono realizzate in microfibra. Inoltre le calze devono essere della misura esatta del piede, né troppo lunghe né troppo corte. Per prevenire la comparsa delle vesciche è bene anche lavare accuratamente e regolarmente i piedi, tagliare le unghie il più raso possibile, mantenere i piedi asciutti e quindi scegliere scarpe e calze che siano traspiranti.

    Se ci si deve sottoporre ad un’attività sportiva impegnativa, si possono applicare delle pomate a base di vaselina nelle zone più in pericolo. Inoltre, appena si avverte un certo fastidio, è importante proteggere subito la zona frizionata con un cerotto teso e senza pieghe. Tutte queste precauzioni ci aiutano ad evitare i piedi gonfi e la formazione di ferite aperte e infette, con possibilità di provare un forte dolore, in particolare sull’alluce, ma anche sui piedi in generale.

    Le vesciche ai piedi, a volte, tendono a guarire spontaneamente e in modo graduale nel tempo. Tra l’altro non restano nemmeno segni sulla pelle, perché la cute è soggetta ad un processo di rigenerazione. Per questo motivo di solito è meglio non intervenire in maniera diretta, ma solo per mettere in atto adeguati processi di protezione. L’ideale sarebbe utilizzare un cerotto con microfori o una protezione comunque sterile, nel caso in cui si avesse la necessità di esporsi ad ambienti poco igienici o che abbondano di povere o di possibili sostanze nocive.

    Sulle vesciche ai piedi si può intervenire anche con un ago sterile, ma questa è una soluzione che va applicata solo nei casi di vesciche di grandi dimensioni e particolarmente difficili da sopportare. L’ago sterile serve a premere delicatamente sulle pareti della vescica, per permettere ad essa di svuotarsi e di asciugarsi rapidamente. Ma in tutto questo si deve stare attenti a non provocare infezioni. Importante è disinfettare ad esempio con del mercurio cromo.

    Se ci si ritrova ad avere a che fare con delle vesciche ai piedi piene di sangue, bisogna rivolgersi a delle persone esperte, in modo che esse possano agire al meglio, evitando un’eventuale infezione. Lo stesso discorso vale per chi soffre di diabete o di disturbi legati alla circolazione e ha delle vesciche che provocano fastidio. Se notiamo un accumulo di pus nella ferita o un arrossamento della pelle piuttosto intenso, dovremmo rivolgerci ad un medico, perché c’è il rischio di incorrere in un’infezione grave.

    Possiamo ricorrere anche ai rimedi naturali per curare le vesciche ai piedi. Molto utili sono sicuramente i pediluvi a base di sostanze naturali unite all’acqua tiepida. Ad esempio possiamo utilizzare l’olio essenziale di menta piperita o, in alternativa, il timo o l’eucalipto. Altra soluzione consiste nell’uso di acqua e sale, del bicarbonato o dell’aloe. Questi rimedi servono ad ammorbidire e ad idratare la pelle. Menta piperita, timo ed eucalipto sono in grado di svolgere un’azione calmante, rinfrescante, oltre che antisettica e antibatterica.

    Si possono applicare anche delle fettine di limone, dalle molte proprietà benefiche, o uno spicchio d’aglio pestato. Il tutto, ricoperto con una garza, va lasciato agire per una notte intera. Molto utili sono anche l’olio d’oliva da impiegare con un batuffolo o l’applicazione di foglie di geranio sminuzzate e mischiate al latte.

    Importante anche il pediluvio alla lavanda, la quale si rivela idrante e cicatrizzante. A questo trattamento, che va ripetuto ogni sera, può esserne unito un altro con un balsamo a base di tea tree e di calendula, dei componenti in grado di agire contro i batteri e contro le infiammazioni.

    949

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InfezioniPiedi Ultimo aggiornamento: Mercoledì 06/04/2016 17:58
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI