NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Vegetariani più a rischio per allergie, ansia e depressione

Vegetariani più a rischio per allergie, ansia e depressione

Chi segue una dieta vegetariana sarebbe meno in salute, a rischio depressione, ansia, allergie e cancro

da in Alimentazione
Ultimo aggiornamento:

    dieta vegetariana salute

    I vegetariani sarebbero più a rischio di incorrere in allergie, ansia e depressione. Eppure la dieta vegetariana viene da molti descritta come più vantaggiosa per la salute. In realtà non sarebbe proprio così, almeno secondo i risultati messi in evidenza da uno studio, i cui dati sono stati pubblicati su Plos One. La ricerca austriaca è riuscita a sottolineare che i vegetariani avrebbero maggiori rischi di sviluppare perfino il cancro. Il tutto ha implicato un confronto con alcuni soggetti che hanno seguito una dieta equilibrata, basata sul consumo di carne, ma allo stesso tempo anche di tanta frutta e verdura.

    In particolare i ricercatori hanno preso in considerazione ciò che è emerso da un sondaggio, che viene sottoposto alla popolazione periodicamente, per indagare sul suo stato di salute. I dati sono stati molto evidenti, perché è venuto fuori che coloro che seguono una dieta vegetariana apparentemente hanno un indice di massa corporea più basso, conducono uno stile di vita più attivo, sono meno propensi al fumo e all’alcool.

    Tuttavia sono proprio i vegetariani che soffrono maggiormente di ansia, depressione e di allergie. Inoltre proprio chi disdegna il consumo della carne avrebbe un rischio pari al 50% in più di sviluppare un infarto o un tumore. Gli studiosi stessi hanno chiarito che questi risultati meritano degli altri approfondimenti, ma a quanto pare alcuni indizi sono molto chiari.

    Per esempio, è stato riscontrato che chi si dedica ad un basso consumo di grassi animali ha anche una certa tendenza ad evitare di vaccinarsi e, quindi, a fare una meno attenta opera di prevenzione. Dieta vegetariana sì, allora, ma con prudenza, senza mettere in pericolo il nostro benessere generale.

    334

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Alimentazione
    PIÙ POPOLARI