Vaccino per la varicella: quando farlo, dove, costo e controindicazioni

Vaccino per la varicella: quando farlo, dove, costo e controindicazioni

Il vaccino per la varicella andrebbe somministrato in due dosi

da in Vaccini, Varicella, Virus
Ultimo aggiornamento:

    vaccino varicella quando farlo dove costo controindicazioni

    Vaccino per la varicella: quando farlo? Dove? Quali sono il costo e le controindicazioni? Questa vaccinazione consiste nella somministrazione di due dosi, che vengono riservate ai bambini soprattutto dai 12 ai 15 mesi per la prima e dai 4 ai 6 anni per la seconda. Il vaccino è costituito dal virus della varicella Zoster, che dopo particolari trattamenti in laboratorio diventa incapace di provocare la malattia, ma riesce a stimolare le difese dell’organismo contro l’infezione. In seguito alla somministrazione del vaccino possono comparire delle reazioni, come dolore e rossore.


    Per sapere di più sulla varicella: foto, sintomi e cure clicca qui
    .

    Il vaccino per la varicella di solito si fa in due dosi, sia per i bambini che per gli adulti. I piccoli dovrebbero fare la prima dose dai 12 ai 15 mesi e la seconda dai 4 ai 6 anni. Dovrebbero vaccinarsi soprattutto medici e infermieri, insegnanti ed educatori, donne in età fertile, ma non in gravidanza, adolescenti e adulti che entrano in contatto con i bambini e persone che compiono viaggi internazionali. E’ importante che anche le persone con il sistema immunitario compromesso eseguano il vaccino. Nel caso di pazienti in terapia con farmaci che agiscono sul sistema immunitario, come i cortisonici, utilizzati per 2 o più settimane, è meglio chiedere il consiglio del medico. La seconda dose può anche essere somministrata prima, ma ci devono essere 3 mesi di distanza dalla prima. Gli adulti che non hanno mai avuto la varicella dovrebbero ricevere due dosi del vaccino, ad almeno 28 giorni di distanza l’una dall’altra.

    Per essere vaccinati ci si può rivolgere ai centri di qualsiasi Asl presente sul territorio nazionale.

    Non è obbligatorio effettuare il vaccino necessariamente nella Asl di appartenenza. Il vaccino per la varicella si può fare anche presso i centri ospedalieri o i pediatri. Il costo del vaccino varia a seconda del tariffario regionale. Di solito il prezzo si aggira intorno ai 40 o 50 euro. Per esempio, a Milano il Varilrix costa 50,11 euro e il Varivax 52,36 euro. In alcuni casi la vaccinazione antivaricella è offerta in maniera gratuita agli operatori della scuola, a quelli sanitari e alle donne in età fertile, dai 18 ai 45 anni, che non siano in gravidanza.

    La maggior parte delle persone che effettua il vaccino per la varicella non manifesta alcun effetto collaterale. Questi ultimi sono molto rari e possono manifestarsi maggiormente dopo la prima fase e non dopo la seconda. Ci sono delle reazioni al vaccino, come il dolore, il rossore e il gonfiore nella zona dell’iniezione, la febbre, una lieve eruzione cutanea. Per 6 settimane dopo il vaccino non si dovrebbe assumere l’aspirina, perché ci possono essere delle reazioni pericolose. In alcuni casi, con la contemporanea somministrazione dell’aspirina, si è constatata la comparsa della sindrome di Reye, una malattia che colpisce il cervello.

    570

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN VacciniVaricellaVirus
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI