NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Vaccini: il quadrivalente aumenta rischio convulsioni

Vaccini: il quadrivalente aumenta rischio convulsioni

Il vaccino che associa in un'unica iniezione antimorbillo, antirosolia, antiparotite e antivarcella raddoppia il rischio di convulsioni febbrili entro dieci giorni dall'iniezione: un effetto collaterale innocuo e comunque molto raro, ma di cui è bene essere informati

da in Bambini, Farmaci, News Salute, Vaccini
Ultimo aggiornamento:

    Vaccinazione quadrivalente

    Ogni vaccinazione effettuata con la siringa scatena nei bambini una buona decina di minuti di lacrime e singhiozzi. Contando vaccinazioni obbligatorie, fortemente raccomandate e richiami, le iniezioni a cui il piccolo può essere sottoposto sono numerose e possono rappresentare uno spauracchio per i bimbi e per i genitori. Per questo da tempo è possibile ricorrere anche a vaccini combinati, che con un’unica iniezione proteggono da più malattie.

    È il caso del vaccino quadrivalente, per morbillo, rosolia, parotite e varicella. Proprio questo tipo di vaccinazione è stato oggetto di uno studio americano condotto dal centro ricerche Kaiser Permanente e pubblicato sulla rivista scientifica “Pediatrics”, in base al quale con questa iniezione che vale per quattro si avrebbe, però, un rischio doppio di convulsioni febbrili nel bimbo, rispetto alla somministrazione separata del vaccino contro la varicella e del trivalente morbillo-rosolia-parotite.

    “Visto che il rischio è più alto per il vaccino quadrivalente i genitori devono essere avvertiti, ma bisogna comunque tener presente che la probabilità è molto bassa, e che queste manifestazioni non hanno effetti permanenti sulla salute dei bambini” rassicura Randy Bergen, uno degli autori dello studio.


    Gli studiosi hanno, infatti,analizzato i risultati vaccinali di oltre 400 mila bambini, scoprendo appunto il rischio raddoppiato, nel quadrivalente, dell’effetto collaterale delle convulsioni febbrili, fenomeno che, però, resterebbe comunque molto raro (inferiore a 1 caso su mille iniezioni) e circoscritto entro i primi10 giorni dall’iniezione (nei periodi successivi non sono emersi effetti collaterali).

    Immagine tratta da: Tuttomamma.com

    311

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniFarmaciNews SaluteVaccini
    PIÙ POPOLARI