NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Uomini: sono più insensibili delle donne

Uomini: sono più insensibili delle donne

Un recente studio ha messo in evidenza che le donne si sentono maggiormente in colpa e che gli uomini, specialmente quelli tra i 25 e i 33 anni, sono più insensibili

da in Adolescenti, Benessere, Comportamento, Psicologia, Ricerca Medica, Salute Uomini
Ultimo aggiornamento:

    sensibilità margherita

    Uomini e donne presentano delle differenze nel loro modo di comportarsi e di reagire alle situazioni, che sono attribuibili ad un diverso modo di rapportarsi alla realtà. Una recente ricerca portata avanti da un gruppo di ricercatori dell’Università dei Paesi Bassi ha contribuito a svelare alcuni dettagli sulla questione delle differenze tra i due sessi. Si tratta di una questione davvero molto interessante.

    In particolare una specifica ricerca ha messo in evidenza che le donne si sentono maggiormente in colpa a differenza degli uomini che sono più insensibili. Sono soprattutto gli uomini che hanno tra i 25 e i 33 anni di età ad essere caratterizzati dall’insensibilità. È proprio in questa fascia di età che si riscontrano i casi più eclatanti del genere. I ricercatori nel loro studio hanno coinvolto sia soggetti di sesso maschile che di sesso femminile.

    I soggetti sono stati divisi in tre gruppi in base alla loro età: adolescenti, giovani adulti, adulti.

    Ogni individuo ha risposto ad un questionario che aveva come argomento il senso di colpa ed è stato sottoposto ad un test che è in grado di misurare il livello di sensibilità. Dai risultati ottenuti dalla ricerca si è potuto appurare che, indipendentemente dall’età, sono di più le donne a sentirsi in colpa. Il tutto è determinato molto probabilmente dalle pratiche educative che tendono a responsabilizzare maggiormente le ragazze rispetto ai ragazzi.

    Inoltre è stato scoperto appunto che i maschi tra i 25 e i 33 anni si caratterizzano per una maggiore insensibilità rispetto ai soggetti degli altri gruppi di età. Si tratta anche in questo caso di un atteggiamento dettato dall’educazione? In attesa di risposte definitive, non possiamo che prendere atto di questo dato di fatto.

    Immagine tratta da: giorgiosalati.blogspot.com

    369

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiBenessereComportamentoPsicologiaRicerca MedicaSalute Uomini
    PIÙ POPOLARI