NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Uomini: non li sveglia il pianto di un bambino

Uomini: non li sveglia il pianto di un bambino

Le donne e gli uomini vengono turbati nel sonno da suoni e rumori differenti

da in Benessere, Comportamento, Psicologia, Ricerca Medica, Salute Uomini, Sonno
Ultimo aggiornamento:

    uomini

    Gli uomini e il sonno. Un rapporto ancora tutto da capire che lascia in sospeso molti interrogativi non solo sull’attività del cervello che si attua quando si è in una condizione di riposo e che apre molte prospettive in relazione alle utili funzioni svolte dal sonno per il benessere mentale e fisico. Ma che cosa turba il sonno di uomini e donne?

    Da questo punto di vista sembra che ci siano parecchie differenze. La Lemsip, una nota azienda inglese che si occupa di rimedi contro i sintomi dell’influenza ha condotto uno studio specifico a tal proposito. Da questa ricerca si è riscontrato che gli uomini e le donne rispondono a stimoli diversi in grado di svegliarli mentre riposano. Per gli uomini per esempio il pianto di un bambino non incide minimamente sulla loro capacità di dormire.

    Per le donne invece il pianto di un bimbo si è rivelata la causa principale di risveglio dal sonno ristoratore.

    Al secondo posto della classifica dei suoni capaci di ridestare le donne si collocano gli schiamazzi della gente in strada e il gocciolare di un rubinetto. Gli uomini invece vengono svegliati più facilmente dal fastidioso rumore emesso dall’allarme di un’automobile e dal vento che soffia.

    Gli uomini si dichiarano inoltre più infastiditi rispetto alle donne dal ticchettio di un orologio, mentre avere accanto una persona che russa sembra provocare difficoltà nel prendere sonno per entrambi i sessi. Questa differenza di comportamento potrebbe avere origini nell’evoluzione.

    Le donne sarebbero molto più sensibili nei confronti dei pericoli a cui possono essere soggetti i loro piccoli, mentre gli uomini risponderebbero in maniera più efficace ai potenziali rischi che potrebbero rivelarsi dannosi per l’intero gruppo familiare.

    Immagine tratta da: medicinalive.com

    348

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereComportamentoPsicologiaRicerca MedicaSalute UominiSonno
    PIÙ POPOLARI