Uomini e donne diversi nel parlare dei problemi di coppia

Uomini e donne diversi nel parlare dei problemi di coppia

Gli uomini e le donne sono diversi nel parlare dei problemi di coppia, in quanto i primi ritengono inutile l’espressione dei disagi, mentre le seconde sono abituate al dialogo

da in Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    uomini donne problemi di coppia

    Uomini e donne sono diversi nel parlare dei problemi di coppia. A dimostrarlo è stata una ricerca portata avanti dagli studiosi dell’Università del Missouri di Columbia. Nell’ambito dello studio in questione è stato messo in evidenza che per gli uomini parlare dei problemi è una vera e propria perdita di tempo.

    Se le donne credono nell’intimità e nella spontaneità in relazione ai problemi di coppia, gli uomini non credono che parlare dei disagi all’interno della coppia sia particolarmente utile. Una scoperta interessante, che, per certi versi, non fa altro che smentire ciò che si era creduto fino ad ora sulla ritrosia degli uomini ad esternare le loro inquietudini e preoccupazioni.

    Alla base di questo comportamento si era spesso rintracciato in termini di psicologia una paura di incorrere nell’imbarazzo o nell’impressione di apparire deboli. In realtà si tratterebbe invece di un non credere nell’efficacia dell’esternazione delle difficoltà incontrate.

    Eppure gli uomini soffrono di più nelle crisi di coppia.

    La differenza in questo tipo di comportamenti ha vari effetti. Basti pensare alle conseguenze riscontrabili nelle relazioni sentimentali e nel rapporto genitori – figli, anche per ciò che concerne i metodi educativi a cui si fa ricorso nel corso dell’infanzia e dell’adolescenza.

    Il punto centrale della questione è rappresentato dal dialogo e dal modo in cui esso viene concepito. Dare attenzione all’interazione reciproca significa anche cercare di trovare un punto di incontro nell’espressione delle emozioni, conoscendo in maniera consapevole le differenze fra comportamenti maschili e femminili in questo senso.

    335

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Primo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI