Unghie nere: sintomi, cause e rimedi naturali per guarirle

L'unghia nera può essere provocata da un trauma da schiacciamento o essere il sintomo di una patologia più seria, come il diabete, un'infezione causata da un fungo oppure un'anomalia renale. Ma quali sono le cause che la scatenano? E quali sono i rimedi naturali per favorirne la guarigione? Scopriamolo insieme nell'articolo che segue.

da , il

    unghie nere

    Unghie nere: quali sono i sintomi, le cause e i rimedi naturali per guarirle? Il disturbo dell’unghia nera, detto anche “ematoma subungueale”, è caratterizzato da un ematoma che si sviluppa tra l’unghia e il letto ungueale. Ma cosa provoca questo ematoma? Quali sono le cause principali del suo sviluppo? Nell’articolo che segue, scopriamo di cosa si tratta e quali sono i rimedi naturali per guarirlo.

    Cos’è l’unghia nera

    La presenza di un’unghia nera non è da considerare affatto un fenomeno naturale, e quando compare significa che c’è qualcosa che non va nell’organismo.

    Nella maggior parte dei casi, l’unghia nera è provocata da un trauma da schiacciamento, che causa un ematoma subungueale con conseguente cambiamento di colore dell’epidermide sotto l’unghia, da rosa naturale a marrone scuro o violaceo: l’alterazione del colore è dovuta alla rottura dei vasi sanguigni che provoca una piccola emorragia e in seguito la formazione di un ematoma.

    Se non si è subito nessun tipo di incidente come la caduta di un peso sul dito oppure lo schiacciamento del dito in un cassetto, nella portiera dell’auto, etc., l’alterazione di colore dell’unghia può essere collegato ad una patologia sistematica (come il diabete), a causa di un’infezione da fungo all’unghia come l’onicomicosi oppure ad un melanoma; in questi casi è meglio rivolgersi quanto prima ad un medico per avere una diagnosi precisa.

    I sintomi

    I sintomi più frequenti che caratterizzano la patologia dell’unghia nera sono:

    • Rottura dei vasi sanguigni: la rottura dei vasi sanguigni provoca un cambiamento di colore dell’unghia, da rosa chiaro a marrone scuro o tendente al viola.
    • Dolore localizzato: se l’unghia nera è provocata da un trauma da schiacciamento, si avverte un dolore, lieve o intenso, localizzato in tutta l’area del dito colpito.
    • Ematoma subungueale: questo tipo di ematoma è una raccolta di sangue nello spazio tra il letto ungueale e l’unghia e si verifica a causa di una lesione.

    Le cause

    Diverse sono le cause più frequenti che provocano un’unghia nera, vediamo nel dettaglio quali sono:

    • Trauma da schiacciamento: gli incidenti possono capitare di frequente, specialmente se si fa un lavoro che richiede l’impiego delle mani. Chiudersi un dito nella portiera dell’auto oppure far cadere un oggetto pesante sulle dita, può provocare un trauma da schiacciamento con conseguente cambio di colore dell’unghia seguito da un dolore localizzato.
    • Scarpe strette: le scarpe eccessivamente strette in punta, indossate giorno dopo giorno, possono dare origine ad un’unghia nera soprattutto dell’alluce. Questo trauma provoca un ematoma subungueale, accompagnato da gonfiore e un forte dolore localizzato nell’unghia dell’alluce.
    • Sport: l’unghia nera può insorgere anche nei soggetti che praticano sport a livello intensivo, specialmente se si tratta di sport che comprendono la corsa. L’eccessiva e continua pressione che esercita la scarpa sulle punte delle dita, può provocare un ematoma subungueale.
    • Patologie sistematiche: quando non si è subito nessun tipo di trauma fisico e c’è la presenza di un’unghia nera, la causa può essere una malattia sistematica, come un’infezione batterica o funginea (l’onicomicosi), la carenza di ossigeno dovuta ad un’ipossia oppure il diabete. Nel caso del diabete, l’unghia nera è determinata dalla cattiva circolazione di ossigeno e di sangue nel corpo, specialmente negli arti.
    • Melanoma: il melanoma ungueale è un tumore che interessa soprattutto le dita della mano. Il tumore ungueale si presenta come una striscia di colore marrone o nero sotto la lamina ungueale e, nello stadio più avanzato, possono comparire delle piccole emorragie e si verifica il sollevamento della lamina.
    • Patologie renali: alcune malattie che interessano i reni come i calcoli renali, l’insufficienza renale ed altre anomalie che riguardano i reni, possono causare l’insorgere di unghie nere sulle dita delle mai e dei piedi.

    Se la comparsa di un’unghia nera non è causata da una lesione o un trauma da schiacciamento, vi suggeriamo di rivolgervi ad un medico il prima possibile, che vi fornirà una diagnosi accurata.

    I rimedi naturali

    In caso di trauma da schiacciamento o lesioni, l’unghia nera si può curare con degli efficaci rimedi naturali, come:

    • Ghiaccio: il ghiaccio è uno dei rimedi naturali più efficaci, specialmente in caso di trauma da schiacciamento. Bisogna avvolgere qualche cubetto di ghiaccio in un panno e appoggiarlo sull’unghia colpita.
    • Arnica di montagna: l’arnica di montagna è un’ottima erba officinale che vanta forti proprietà antinfiammatorie. Bisogna applicare una pomata a base di arnica sull’unghia nera per almeno 3 volte al giorno, fino alla scomparsa dei sintomi.
    • Maniluvio o pediluvio: questo rimedio dona sollievo e favorisce il riassorbimento dell’ematoma subungueale. Basterà riempire una bacinella con acqua tiepida e 2-3 cucchiai di bicarbonato e immergere l’unghia interessata per almeno 30 minuti. Per rendere il maniluvio o pediluvio ancora più efficace, aggiungere 1 cucchiaio di succo di limone.
    • Mani o piedi sollevati: in presenza di un’unghia nera su mani o piedi, tenere sollevato l’arto rallenta la perdita di sangue e la conseguente formazione dell’ematoma subungueale.
    • Aglio: l’aglio è un alimento dalle forti proprietà antibiotiche ed antibatteriche, ed è un valido aiuto per combattere non solo le infezioni interne, ma anche esterne. Bisogna schiacciare uno spicchio di aglio e applicarlo su una garza, che andrà posta sull’unghia interessata. Lasciare l’applicazione per tutta la giornata e cambiare la garza almeno 1 volta al giorno, ripetere fino alla scomparsa dei sintomi.