NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Unghie fragili che si sfaldano: cause, rimedi e cosa fare

Unghie fragili che si sfaldano: cause, rimedi e cosa fare

Le unghie fragili che si sfaldano hanno diverse cause, ma soprattutto dipendono dalle carenze nutrizionali

da in Pelle, Unghie, Cura pelle
Ultimo aggiornamento:

    unghie fragili che si sfaldano cause rimedi cosa fare

    Le unghie fragili che si sfaldano sono determinate da delle disfunzioni che mettono a rischio la produzione di cheratina. In genere si tratta di carenze derivanti dall’alimentazione, che non consentono di produrre in modo adeguato la proteina, che costituisce la durezza delle unghie. Le cause, comunque, possono essere differenti quando ci sono le unghie che si sfogliano o che si spezzano. Cosa fare? Esistono dei rimedi da tenere in considerazione. Vediamoli nello specifico.

    Le cause

    Le cause delle unghie fragili che si sfaldano non hanno un unico motivo. Spesso le ragioni non si conoscono in profondità e c’è una serie di concause che contribuiscono a rendere più grave il problema. Ci possono essere delle allergie o delle micosi, le quali, unendosi a problemi di carattere nutrizionale, rendono le unghie rigate, gialle e facilmente portate alla distruzione.

    Anche l’invecchiamento può essere una causa comune di fragilità, specialmente se si aggiungono dei fattori ambientali, come la disidratazione. Lo sfaldamento degli strati superficiali è chiamato in medicina onicoschizia lamellina, una vera e propria frammentazione, che può essere anche la conseguenza di traumi, di contatto con sostanze chimiche a ph basso o alto, oppure possono subentrare delle microfratture.

    Da tenere in considerazione anche l’uso di smalto e di prodotti di qualità scadente, che può peggiorare la salute delle unghie, rendendole più secche e fragili. Fumo e onicofagia spesso non fanno altro che far peggiorare la situazione.

    I rimedi

    I rimedi per le unghie fragili che si sfaldano consistono innanzi tutto in una soluzione molto importante, che riguarda l’alimentazione.

    Bisogna consumare degli alimenti che contengono molibdeno e zinco. Il primo elemento lo troviamo soprattutto nel latte, nel formaggio, nei piselli, nei fagioli e nei cereali integrali.

    Il secondo può essere fornito in maniera adeguata dal germe di grano, dal pesce, dalle ostriche, dal tuorlo d’uovo e dalla carne. Non dimentichiamo l’importanza del fegato e dei legumi freschi, apportatori di vitamina H, fondamentale per il metabolismo della cheratina.

    Da non dimenticare alcuni rimedi naturali, come l’equiseto, che è ricco di silicio ed è utilizzato anche nell’osteoporosi.

    Cosa fare

    La prevenzione e l’attenzione costituiscono un passo fondamentale per proteggere le unghie. Ad esempio, quando si eseguono lavori domestici o in giardino, è sempre opportuno munirsi di guanti. E’ bene evitare il continuo contatto con l’acqua, per non favorire l’insorgere di micosi.

    Inoltre ricordiamoci che anche il contatto eccessivo con detersivi e sostanze detergenti può rendere le unghie più soggette allo spezzarsi. Sarebbe meglio non tagliarle le unghie, ma limarle e andrebbe evitato di eliminare le pellicine con strumenti taglienti.

    Per stimolare la crescita delle unghie, si possono usare degli oli specifici e per favorire l’irrorazione sanguigna non sono da trascurare i bagni caldo-freddi.

    585

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN PelleUnghieCura pelle
    PIÙ POPOLARI