Unghie: cosa indicano le alterazioni

Le alterazioni delle unghie non indicano sempre patologie specifiche, ma a volte possono essere la spia di malattie della pelle o che interessano gli organi interni

da , il

    unghie delle mani

    A volte capita di ritrovarsi ad avere sulle unghie delle mani delle macchie, che indicano vere e proprie alterazioni, le quali possono destare qualche preoccupazione. In realtà queste macchie possono voler dire tante cose, è dunque indispensabile una visita presso uno specialista dermatologo perché ci indichi la spiegazione più giusta.

    Non sempre le alterazioni delle unghie hanno un significato patologico. È pur vero però che a volte possono costituire la spia di disturbi che interessano la pelle o che si configurano come malattie degli organi interni. A volte capita che si riscontri la formazione di piccole chiazze bianche all’interno della lamina ungueale. Queste macchioline possono essere provocate dai microtraumi a cui vanno incontro le unghie e non si tratta in questo caso, come erroneamente si crede, di carenza di vitamine e di minerali.

    Altre volte invece le alterazioni delle unghie rappresentano un vero e proprio sintomo da ascrivere a patologie dermatologiche, come la psoriasi, l’alopecia areata, il lichen ruber planus o varie forme di dermatite da contatto. Nel caso in cui riscontriamo modifiche della lamina ungueale con il suo inspessimento e il suo sfaldamento, potremmo trovarci in presenza di un’infezione da funghi.

    Per evitare che le unghie siano più fragili, è opportuno provvedere a riscontrare se nel nostro organismo ci siano carenze di ferro o di alcuni aminoacidi. Particolare attenzione bisogna prestare all’uso di cosmetici, come i solventi usati comunemente per rimuovere lo smalto, che possono provocare anch’essi specifiche alterazioni. Da non dimenticare che queste ultime possono essere determinate anche da certe sostanze chimiche con cui si viene ripetutamente a contatto spesso per motivi di lavoro.

    Immagine tratta da: akkuaria.net