NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Una pasticca antidepressiva che “riproduce” il Jogging

Una pasticca antidepressiva che “riproduce” il Jogging
da in Antidepressivi, Depressione, DNA, Farmaci, Ricerca Medica, Ippocampo
Ultimo aggiornamento:

    ippocampo

    ippocampo

    Beneficio dell’attivita’ fisica anche quando non c’e’ il tempo materiale per fare del sano sport, non si tratta di futurismo o di fantascienza medica, e’ quello che realmente sta accadendo all’Universita’ di Yale, dove in questi mesi si sta sperimentando un farmaco “sostitutivo” dello sport leggero praticato per rilassarsi, e ad esempio quello che si sta cercando di emulare e’ l’effetto di una bella corsetta a Jogging nel parco, il tutto nel magico potere di una pasticca.

    Quello che hanno scoperto i ricercatori e’ cioe’ il fattore dal quale dipende lo stato di rilassamento del post corsa, e quindi hanno cercato di riprodurne gli effetti sui topi, fino ad ora, per vedere se davvero le cose stanno cosi’.
    E la conferma e’ arrivata agli scienziati non appena hanno analizzato i geni che si attivano durante l’attivita’ fisica nei neuroni dell’ippocampo.

    Proprio sull’ippocampo agiscono i farmaci antidepressivi e i farmaci che alterano lo stato dell’umore, e proprio li’ ha sede un gene che ha un ruolo chiave nella fase di rilassamento.

    Il gene e’ coinvolto nel processo nervoso dei neuroni, e il test vuole mettere in risalto come si puo’ riprodurre l’effetto benefico attivando questo gene e facendo si’ che l’effetto domino si inneschi, dando quella sensazione di benessere e relax tipica del post movimento fisico.

    Mai sarebbe da pensare e da dire che una pastiglia debba sostituire lo sport, affinche’ non si interpreti in questo modo la scoperta, quanto piuttosto che i farmaci anti-depressivi possano in realta’ essere migliorati agendo solo su alcune parti specifiche del sistema nervoso e ottenendo risultati magari migliori a scopo curativo.

    300

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AntidepressiviDepressioneDNAFarmaciRicerca MedicaIppocampo
    PIÙ POPOLARI