Una camminata veloce e decisa rappresenterebbe un segnale di buona salute

Una camminata veloce e decisa rappresenterebbe un segnale di buona salute

Uno studio americano ha sottolineato quanto sia importante, durante l’età adulta, controllare la velocità della propria camminata per poter predire il proprio stato di salute mentale e cardiaca del futuro

da in Benessere, Demenza senile, Ictus, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    camminata veloce segnale buona salute

    Durante l’età adulta è possibile scoprire lo stato di salute futuro attraverso la camminata. Infatti, un passo veloce e deciso sembrerebbe, secondo uno studio americano, indice di una buona salute, con un ridotto rischio di patologie a livello cerebrale e cardiaco. In realtà il conosciutissimo proverbio “chi va piano va sano e va lontano” non rispecchierebbe proprio la verità, anzi una camminata lenta non predice niente di positivo.

    Lo studio è stato condotto dai ricercatori americani del Boston Medical Center, che per 11 anni, hanno studiato e monitorato 2.400 pazienti con un’età media di 62 anni. Durante questo tempo le persone analizzate sono state sottoposte a vari controlli, sia della muscolatura, della forza con cui si stringe un oggetto, della velocità della camminata, e della salute in genere. I ricercatori hanno stabilito che nel corso degli anni un rallentamento del passo (solo 79 dei 2.400 dei pazienti presi in esame) ha portato a problemi di memoria, patologie neurodegenerative, demenza, ma anche a livello cardiovascolare, con l’insorgere di infarti e ictus.


    Mentre, nella maggior parte dei volontari, coinvolti nella ricerca, pur avendo una certa età, ha mantenuto una camminata spedita e decisa. Questo è stato ricollegato ad un buono stato di salute, con un minor rischio di insorgenza di patologie cerebrali e cardiache. I risultati di questo importante studio saranno presentati il prossimo aprile durante un congresso medico a cui parteciperanno tra i maggiori esperti del campo. Quindi anche ad una certa età è meglio avere un passo veloce ed avere la facoltà di stringere con forza un oggetto tra le mani.

    323

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereDemenza senileIctusNews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI