Un maggiore equilibrio psicofisico, se si sorride di più

Un maggiore equilibrio psicofisico, se si sorride di più

Per conquistare un più adeguato equilibrio psicofisico, dovremmo sorridere di più

da in Equilibrio psicofisico, Mente, Prevenzione, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    equilibrio psicofisico sorridere

    Per conquistare un più adeguato equilibrio psicofisico, dovremmo sorridere di più. Non si tratta affatto di un luogo comune, ma di un concetto dimostrato scientificamente. A sostenerlo il dottor Gil Greengross, psicologo e antropologo dell’Università del New Mexico, il quale ha preso in considerazione due studi svolti sulla base delle foto che vengono inserite su Facebook. I risultati delle ricerche sono stati piuttosto evidenti, in quanto si è scoperto che l’intensità del sorriso poteva far prevedere la possibilità che, una volta trascorsi alcuni anni, alcune persone divorziassero.

    Tutto ciò è possibile perché l’intensità del sorriso è collegata ad una maggiore o minore soddisfazione di se stessi e della propria vita. Si verifica quindi una sorta di correlazione fra sorriso e soddisfazione interiore, che sembra avere una certa influenza sulla vita stessa degli individui. È tutta una questione anche di autostima.

    Per aumentare l’autostima possono essere utili dei consigli pratici, ma forse è proprio un problema di sorriso. È pur vero che piangere rilassa e previene malanni a cuore e cervello, ma sorridere sembra aumentare di molto il benessere interiore, influenzando gli eventi dell’esistenza. Anche il segreto del matrimonio risiede nel sorriso.

    Il dottor Greengross ha spiegato:

    “I social network presentano una grande opportunità per studiare questi effetti su periodi di tempo più brevi. Su Facebook, le persone mettono le loro immagini in scenari più naturali.”

    Effettuare ricerche di questo tipo significa poter comprendere di più in termini di reazioni psicologiche caratteristiche dell’uomo.

    317

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Equilibrio psicofisicoMentePrevenzionePsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI