Tutto sulla pillola anticoncezionale

La pillola anticoncezionale si utilizza secondo criteri ben definiti e crea una situazione per cui viene impedita la maturazione della cellula uovo

da , il

    pillola anticoncezionale farmaco ormoni

    La pillola anticoncezionale si configura come un vero e proprio farmaco, il quale è ottenuto mettendo insieme due sostanze del tutto simili a quegli ormoni che vengono prodotti dall’organismo femminile e che hanno un ruolo fondamentale nella regolazione dell’apparato genitale. Si tratta dell’estrogeno e del progesterone.

    La pillola anticoncezionale: ecco come si utilizza

    L’utilizzo della pillola anticoncezionale risponde a criteri ben precisi e definiti. La prima pillola va presa il primo giorno del ciclo mestruale e poi si segue il ritmo di una al giorno per 21 giorni. È opportuno cercare di rispettare una certa regolarità anche per ciò che concerne l’assunzione del farmaco. Una volta arrivati all’ultima pillola, bisogna interrompere il trattamento farmacologico per sette giorni. Durante questo periodo non manca l’effetto contraccettivo. Dopo circa tre giorni ritorneranno le mestruazioni. Passati sette giorni, comunque si inizia un nuovo periodo di assunzione per altri 21 giorni.

    Pillola anticoncezionale dimenticata: cosa fare?

    Se per caso ci si dimentica di prendere una pillola anticoncezionale e quindi si interrompe il periodo di assunzione, bisogna prenderne un’altra non appena possiamo. Tuttavia occorre fare attenzione a non superare 12 ore. In questo caso infatti si deve continuare a prendere la pillola in maniera regolare, non dimenticando che comunque si può contare solo su una minore sicurezza contraccettiva. Nel caso in cui si saltasse l’assunzione di tre pillole una dopo l’altra, è meglio interrompere il trattamento, per poi riprenderlo dopo otto giorni. Un fatto che può capitare, visto che riguardo agli anticoncezionali si è appurato che le donne scordano la pillola.

    La pillola anticoncezionale impedisce la maturazione della cellula uovo

    La pillola anticoncezionale impedisce la maturazione della cellula uovo. Per raggiungere questo obiettivo, nell’organismo viene creata una condizione molto simile alla gravidanza. L’estradiolo e il progesterone vengono neutralizzati e inoltre viene creato una sorta di ispessimento del muco cervicale all’entrata dell’utero, in modo da impedire agli spermatozoi da risalire fino alle tube di Falloppio ed effettuare la fecondazione. In tema di sessualità, la pillola anticoncezionale è sicura per 8 donne su 10.

    La pillola anticoncezionale e i suoi possibili effetti indesiderati

    Gli eventuali effetti indesiderati legati alla pillola anticoncezionale si possono manifestare in genere nel corso dei primi mesi in cui si usa la pillola, per poi scomparire in maniera del tutto spontanea. Si tratta di solito di nausea, piccole perdite di sangue non rientranti nel periodo delle mestruazioni, una sensazione di tensione al seno e un aumento di peso assolutamente non eccessivo. Anche per questo possiamo in definitiva dire che la pillola anticoncezionale si rivela il metodo contraccettivo migliore.

    Se vi interessa saperne di più sulla pillola anticoncezionale, ecco qualche altro articolo da leggere:

    Ragazze e anticoncezionali: perché scegliere la pillola

    Pillola anticoncezionale: dall’America una più potente

    Pillola anticoncezionale: aumenta la gelosia delle donne

    Pillola anticoncezionale: insieme al pompelmo può essere pericolosa

    Pillola anticoncezionale: 50 anni di cambiamenti per le donne