Tumori: una luce per trovare i tessuti malati

Tumori: una luce per trovare i tessuti malati

I ricercatori della Vanderbilt University hanno messo a punto degli agenti fluorescenti per individuare e delimitare le cellule tumorali, in modo da intervenire su di esse chirurgicamente

da in Enzimi, Malattie, Pelle, Primo Piano, Ricerca Medica, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    cellule tumorali

    Le cellule tumorali sono spesso difficili da definire con certezza e questo rappresenta una grande difficoltà per intervenire sulla malattia magari con interventi chirurgici appositi. Ma da oggi le possibilità in questo senso si fanno più innovative grazie ad uno studio compiuto presso la Vanderbilt University. I ricercatori sono giunti ad una importante scoperta.

    Essi sono infatti riusciti a mettere a punto un agente fluorescente che consente di individuare con certezza i tessuti malati, in modo da asportare solo e in maniera completa la massa tumorale. Il tutto è possibile per mezzo degli inibitori fluorescenti dell’enzima COX-2. Quest’ultima è una proteina che, se presente in grandi quantità, può indicare la presenza di un tumore. Di conseguenza questa proteina può svolgere un ruolo molto importante nell’individuare in modo tempestivo la malattia, per intervenire su di essa in modo adeguato.

    I ricercatori hanno utilizzato l’indometacina e il celecoxib, due farmaci che si caratterizzano per essere inibitori della COX-2.

    I farmaci sono serviti come struttura base per la realizzazione di molecole fluorescenti. Per il momento il tutto è stato sperimentato solo sugli animali, la le prospettive aperte potrebbero portare a dei risultati interessanti anche per gli esseri umani.

    I ricercatori hanno fatto sapere di essere soddisfatti degli esiti raggiunti e pensano di poter effettuare le prime applicazioni per i tumori della pelle o per quelli che interessano le parti del corpo, alle quali si può accedere per via endoscopica, come il colon o l’esofago. Servono ancora ulteriori test, ma si tratta di possibilità da non trascurare.

    Immagine tratta da: bosco.eldi.it

    354

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN EnzimiMalattiePellePrimo PianoRicerca MedicaTumori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI