Tumori: la chemioterapia più forte grazie alla curcumina

Tumori: la chemioterapia più forte grazie alla curcumina

Uno studio statunitense ha scoperto come la curcumina, o meglio dei derivati, riesca ad aumentare la sensibilità delle cellule tumorali nei confronti della chemioterapia

da in Cellule, Chemioterapia, Primo Piano, Proteine, Ricerca Medica, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    tumori chemioterapia curcumina

    La chemioterapia, trattamento per i pazienti affetti da tumore, risulta rafforzata dall’effetto della curcumina. Grazie ad un recente studio statunitense, questa sostanza, conosciuta sin dall’antichità, in quanto impiegata nella medicina Ayurvedica indiana, ora trova spazio e importanza anche nella nostra medicina tradizionale. I ricercatori hanno utilizzato un composto analogo alla spezia, indicato con la sigla FLLL32.

    Lo studio che ha scoperto ciò, è stato condotto dai ricercatori dell’University of Michigan Comprehensive Cancer Center, in vitro, che hanno evidenziato come la curcumina riesca ad aumentare la sensibilità delle cellule tumorali alla chemioterapia, riducendo la resistenza che queste ultime di solito presentano, ed evitando in questo modo di dover aumentare la dose di farmaco nei casi di recidive o di esiti negativi. Infatti, ad esempio, uno dei farmaci maggiormente utilizzati nel trattamento dei tumori, è il cisplatino, la cui dose deve essere aumentata ogni qualvolta non si ha più l’effetto desiderato e nei casi, dopo anni, il male si ripresenta.

    Secondo la ricerca, pubblicata su Archives of Otolaryngology – Head and Neck Surgery, la curcumina riuscirebbe a svolgere questa importante azione, grazie alla sua capacità di legarsi ad una proteina, presente in circa l’80% dei tumori, sia a carico della testa che del collo.

    Questa proteina, interferirebbe nei processi di morte cellulare, e il legame con la spezia aumenterebbe la sensibilità delle cellule ai farmaci. Gli studi continueranno, anche sull’uomo, in modo tale da scoprire un’altra sostanza con gli stessi effetti e con un assorbimento maggiore.

    318

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CelluleChemioterapiaPrimo PianoProteineRicerca MedicaTumori
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI