Tumori infantili: diagnosi retinoblastoma grazie alle fotografie

Tumori infantili: diagnosi retinoblastoma grazie alle fotografie

Le prime foto dei bambini possono essere un aiuto nella diagnosi del retinoblastoma, un tumore dell'occhio che, se diagnosticato in tempo, si può trattare, salvando la vista

da in Bambini, In Evidenza, Occhi, Retina, Tumori, Vista
Ultimo aggiornamento:

    retinoblastoma

    Colpisce circa 50/60 bambini all’anno, ma è la forma più aggressiva di tumore all’occhio dell’infanzia: parliamo del retinoblastoma. Questo cancro oculare, che colpisce la retina, e può interessare uno solo o entrambi gli occhi, è di origine genetica e dipenda dalla perdita di un segmento del cromosoma 13. Se riconosciuto in tempo può essere trattato, per salvare la vista.

    Una peculiarità di questo tumore dei bambini è che si riconosce per un sintomo tipico, la leucocoria, ovvero la presenza di un riflesso bianco nella pupilla. Tipicamente questo segno si riconosce quando si fanno le prime fotografie al bambino: normalmente gli occhi fotografati mostrano il tipico effetto “occhi rossi”, ma nei piccoli colpiti dal tumore, l’occhio ha un riflesso biancastro. Questo deriva dal fatto che la massa tumorale ha una colorazione perlacea e riflette la luce quando entra nell’occhio.

    Chiaramente non bisogna correre mai a conclusione affrettate e anche di fronte a una foto “sospetta” è sempre bene consultare subito un oculista.

    La diagnosi precoce, però, permette di affrontare la patologia senza dover rimuovere l’occhio e quindi preservando la vista: si neutralizza la massa tumorale con vari tipi di terapia.

    Al riguardo si sta pensando di introdurre anche in Italia un metodo nuovo, che ha dato già risultati più che promettenti in alcuni altri centri di eccellenza mondiale: la brachiterapia con applicazione di placche di rutenio. Con questa tecnica si invia un fascio radioattivo solo sulla massa tumorale, per neutralizzarla. L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù si sta, infatti, adoperando per creare le strutture ed avere le autorizzazioni per l’applicazione delle placche radioattive.

    340

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniIn EvidenzaOcchiRetinaTumoriVista
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI