Tumori: i malati hanno diritto al part-time

Tumori: i malati hanno diritto al part-time

I malati di cancro e i loro famigliari hanno diritto al part-time, ma non tutti lo sanno: anche per questo e per migliorare e comunicare tutti i servizi di tutela esistenti si celebra, dal 13 al 16 maggio, la Giornata del malato oncologico

da in Ministero della Salute, Primo Piano, Sanità, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    Diritti al part-time per i malati di cancro

    Il cancro si combatte anche sul posto di lavoro. Difendi la tua normalità”: questo il messaggio dello spot, televisivo e radiofonico, voluto dal Dipartimento per il coordinamento amministrativo della Presidenza del Consiglio dei Ministri insieme al Dipartimento per l’informazione e l’editoria, in collaborazione con il Ministero della salute e il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, e già in onda da qualche giorno.

    L’obietto è semplice: informare i cittadini, malati di cancro e loro famigliari, del diritto di cui possono godere nell’ambito lavorativo, cioè la possibilità di trasformare il rapporto di lavoro da tempo pieno in part-time. Un modo per permettere, anche a chi soffre di tumore, di continuare a condurre una vita il più possibile normale, mantenendo il proprio lavoro, compatibilmente con le esigenze di cura.

    Un cambiamento che non si cristallizza: in base alle esigenze del lavoratore, infatti, si può poi tornare al tempo pieno. Una possibilità, quella del part-time, concessa anche ai familiari che prestano loro assistenza.

    La campagna di comunicazione rientra nelle attività della quinta Giornata del Malato Oncologico istituita per iniziativa della Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia (FAVO), che si celebra il prossimo 16 maggio.

    La giornata vuole essere un momento per promuovere il miglioramento dei servizi che cercano di rispondere alle esigenze dei malati di tumore non solo nel campo della cura, ma anche nell’ambito lavorativo, assistenziale e di supporto psicosociale. E ovviamente è l’occasione per comunicare questi servizi ai diretti interessati: solo la corretta, informazione, infatti, può garantire la tutela di questi diritti.

    Già oggi 13 maggio, però, prende il via il programma di manifestazioni, che continuerà fino a domenica con incontri all’Istituto Regina Elena e all’Auditorium conciliazione (il programma è disponibile sul sito del Governo): si comincia con la presentazione in Senato del secondo “Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici“.

    Non manca anche la solidarietà: dal 6 al 16 maggio, è possibile donare 2 euro per i malati di cancro di L’Aquila, inviando un semplice SMS al numero 45504.

    413

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Ministero della SalutePrimo PianoSanitàTumori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI