Tumori: capperi, sedano e uva alleati contro leucemia

Tumori: capperi, sedano e uva alleati contro leucemia

La lotta alla leucemia ha un nuovo potente alleato, una molecola, la quercetina, contenuta soprattutto in capperi, sedano e uva, utile per contrastare questo tumore del sangue

da in Alimentazione, Leucemia, News Salute, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    Frutta e verdura contro i tumori

    Dalla natura, nuovi alleati preziosi nella lotta alla leucemia: capperi, sedano e uva contengono una sostanza utile per combattere e contrastare questo terribile tumore del sangue. A dimostrare i potenziali effetti benefici di questi alimenti una ricerca tutta italiana, condotta dall’Istituto di Scienze dell’Alimentazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Avellino, Isa-Cnr, pubblicata sul British Journal of Cancer.

    La fatidica sostanza si chiama quercetina, si tratta di una molecola di piccole dimensioni dalle ben note proprietà antiossidanti, presente non solo nei capperi, nel sedano e nell’uva, ma anche nelle cipolle, nelle mele, nel tè verde e nel vino rosso. Questa molecola sarebbe in grado di interrompere il processo di trasformazione tumorale delle cellule, rendendole più recettive rispetto al trattamento farmacologico. Una scoperta importante, che apre prospettive interessanti per l’impiego di questa sostanza naturale nel trattamento della leucemia e per la formulazione di nuove terapie.

    “Studi del nostro e di altri gruppi di ricerca hanno dimostrato da tempo che la quercetina appartiene a quell’ampio gruppo di molecole di origine vegetale (fitochimici) con attività chemio-preventiva.

    La molecola, cioè, è capace di bloccare il processo di trasformazione di una cellula normale in tumorale, oppure di invertirlo quando è già in atto. Adesso, per la prima volta, abbiamo dimostrato che la quercetina è efficace in cellule tumorali di pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica (Llc)” ha osservato Gian Luigi Russo, responsabile della ricerca.

    Sfruttando le potenzialità di questa molecola, la quercetina, quindi, sarebbe possibile, rendere le cellule tumorali maggiormente vulnerabili al trattamento farmacologico specifico con i chemioterapici, rendendo più efficace la cura, la lotta allo sviluppo e alla proliferazione della leucemia.

    353

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneLeucemiaNews SaluteTumori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI