Tumore seno: risultati positivi da un nuovo farmaco “postino”

La lotta al cancro al seno, la forma tumorale più diffusa tra le donne, potrebbe avere un nuovo alleato: sono incoraggianti i risultati di un nuovo farmaco postino

da , il

    Tumore al seno, nuovo farmaco postino

    Risultati incoraggianti sono emersi dal primo studio su un nuovo farmaco “postino” per il trattamento del tumore al seno, il cancro più diffuso tra le donne, in grado di portare a destinazione una chemioterapia molto aggressiva, direttamente all’interno della cellula tumorale, potenziandone i risultati e amplificandone l’efficacia.

    Dal primo studio randomizzato, condotto su trastuzumab emtansine (T-DM1) nel carcinoma mammario metastatico HER2-positivo, sono emerse evidenze che lasciano ben sperare per il futuro, che potrebbero aprire prospettive terapeutiche interessanti per le migliaia di donne costrette a combattere contro questa forma tumorale.

    E’ la forma tumorale più comune tra le donne, che, troppo spesso, complici le diagnosi poco tempestive e la scarsa prevenzione, rischia di mettere in pericolo la vita delle pazienti. Ogni anno vengono diagnosticati circa 1,4 milioni di nuovi casi di carcinoma mammario, e oltre 450.000 persone muoiono annualmente a causa di questa malattia; in Italia, sono circa 42.000 i nuovi casi ogni anno e vengono registrati annualmente 11.000 decessi.

    “Trastuzumab emtansine (T-DM1) è un farmaco per cui vi sono grandi aspettative, perchè è in grado di colpire questa forma molto aggressiva di tumore alla mammella in modo efficiente e mirato ma con minori effetti collaterali migliorando, in questo modo, la qualità della vita delle pazienti” ha osservato il professor PierFranco Conte, Professore di Oncologia Medica e Direttore della Divisione di Oncologia Medica, Dipartimento di Oncologia, Ematologia e Malattie dell’Apparato Respiratorio, dell’Università di Modena e Reggio Emilia, centro che ha partecipato alla sperimentazione.