Tumore gastrico: un antibiotico partecipa alla cura

Tumore gastrico: un antibiotico partecipa alla cura

Da oltre un trentennio l’ulcera gastrica si cura con farmaci in grado di proteggere la mucosa ed al contempo evitare l’ipersecrezione acida ma non è tutto, da quando si è visto coinvolta nella patologia anche un batterio responsabile dell’ulcera, l’Helicobacter pilori, la cui sradicazione affranca dall’ulcera quasi definitivamente

da in Antibiotici, Malattie, Ricerca Medica, Tumore allo stomaco, Tumori, Ulcera Gastrica
Ultimo aggiornamento:

    napoleone

    Un tempo si riteneva che l’ulcera gastrica dovesse curarsi redicendo le terminazioni nervose vagali ritenendo che lo stomaco fosse la sede di tutte le nostre passioni, i nostri stress, le nostre ansie; fatto quest’ultimo vero ma fino ad un certo punto.

    Da oltre un trentennio l’ulcera gastrica si cura con farmaci in grado di proteggere la mucosa ed al contempo evitare l’ipersecrezione acida ma non è tutto, da quando si è visto coinvolta nella patologia anche un batterio responsabile dell’ulcera, l’Helicobacter pilori, la cui sradicazione affranca dall’ulcera quasi definitivamente.

    Per opporsi al batterio occorre poco, una volta stabilita la sua presenza si procede con due antibiotici più che conosciuti, ma soprattutto con uno ancora più noto quale è di fatto l’Amossicillina aggiunto alla cura con inibitori della pompa protonica, procinetici, antiacidi e quant’altro ritenuto necessario. Ma c’è oggi una novità che oggi ci palesa il mondo scientifico, tale batterio sarebbe responsabile non solo di ulcera gastroduodenale, ma in alcuni casi anche di tumore gastrico.

    Lo avrebbero appurato scienziati giapponesi della Oita University che hanno pubblicato gli esiti della ricerca sulla rivista F1000 Medicine Reports.

    Un motivo in più dunque per estirpare il batterio sicuramente, ma non solo, la ricerca nipponica ha messo in risalto dell’altro, ovvero, trattando diversi pazienti con un tumore gastrico allo stadio iniziale, rimosso attraverso un intervento chirurgico, con un antibiotico specifico per l’Helicobacter, passati tre anni, gli stessi pazienti hanno mostrato una possibilità più bassa di sviluppare nuovamente il tumore.

    Possiamo allora immaginare di usare gli antibiotici in grado di uccidere l’Helicoibacter Pilori su larga scala a scopo preventivo? Assolutamente no; tale scelta spetta soltanto al medico curante.

    335

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AntibioticiMalattieRicerca MedicaTumore allo stomacoTumoriUlcera Gastrica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI