Tumore: decalogo a fumetti contro il melanoma

La pelle dei vostri piccoli sotto il sole merita molta attenzione: gli esperti lanciano l'appello ai bambini con un fumetto pensato per loro, Super Ado che combatte Mel, il melanoma

da , il

    I rischi del sole per i bambini

    L’estate è ufficialmente iniziata, le scuole hanno chiuso i battenti fino a settembre e i dermatologi scendono in campo per invitare tutti i genitori a tutelare la salute della pelle dei più piccoli. Gli esperti ADOI, Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani, in collaborazione con la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, LILT, hanno trovato il mezzo di comunicazione perfetto per centrare il bersaglio: un fumetto pensato per i bambini e insegnare loro l’importanza della corretta esposizione solare.

    Le scottature in età pediatrica aumentano il rischio di sviluppare il tumore della pelle, il melanoma. Questi fumetti, divertenti e coinvolgenti sono l’iniziativa pensata dagli esperti per attirare l’attenzione dei bambini e renderli più consapevoli dei rischi del sole. Protagonista del simpatico fumetto educativo è Super Ado, vero “amico per la pelle”, che ha un’unica missione, sconfiggere il suo acerrimo nemico, Mel, il melanoma.

    Tra i consigli più importanti del decalogo salva pelle: no all’esposizione al sole fino ai 6 mesi di età, no a una quantità eccessiva di raggi solari e, soprattutto, meglio evitare le ore più calde della giornata, dalle 12 alle 16. La crema solare protettiva, meglio se resistente all’acqua e con un fattore protettivo alto, deve essere applicata più volte nell’arco della giornata.

    I dermatologi raccomandano anche l’utilizzo di magliette, cappellini e occhiali da sole. Anche se non sembra, il riparo dell’ombrellone non è uno “schermo totale”, infatti, la sua tela lascia passare circa il 50% dei raggi solari. Per non mettere in pericolo la salute della propria pelle, meglio evitare l’utilizzo di profumi e deodoranti prima dell’esposizione. La spiaggia merita tutte le attenzioni possibili, ma anche i soggiorni in montagna non vanno sottovalutati: i raggi del sole, alle altitudini elevate, sono più potenti e la pelle deve essere protetta adeguatamente.

    Immagine tratta da: ilmiobaby.com