Tumore colon-retto: presto un nuovo test per la diagnosi precoce

Tumore colon-retto: presto un nuovo test per la diagnosi precoce

La diagnosi del tumore del colon-retto potrebbe farsi presto più precoce: si studia, infatti, un test che analizza il DNA delle cellule del colon presenti nelle feci

da in Colon, Diagnosi precoce, In Evidenza, News Salute, Tumore al Colon, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    nuovo test diagnosi precoce tumore colon

    La diagnosi precoce del tumore del colon-retto è attualmente l’arma principale per affrontare la patologia: se i tumori sono rilevati allo stadio iniziale, infatti, la sopravvivenza a distanza di 5 anni si aggira attorno al 90%. Attualmente il test di diagnosi precoce più usato, non invasivo, è il test del sangue occulto nelle feci, presto, però, dovrebbe essere disponibile un test molto più preciso e ugualmente poco invasivo.

    Il nuovo test per la diagnosi precoce del tumore del colon retto si chiama “fluorescente long DNA” (FL-DNA) ed è un test molecolare che si fa sempre su un campione di feci: non si ricerca però il sangue rilasciato dal tumore, ma le cellule di esfoliazione della mucosa del colon che finiscono, appunto, nelle feci. Il nuovo test è in grado di analizzare il DNA di tali cellule, permettendo di scoprire eventuali alterazioni maligne.

    Secondo gli studi preliminari, pubblicati anche sulla rivista scientifica americana “Cancer Epidemiol Biomarkers Prev”, questo innovativo esame diagnostico risulterebbe più preciso del test sul sangue occulto, (che infatti spesso richiede la necessità di conferma con la colonscopia, un esame fastidioso e invasivo), permettendo di individuare anche forme tumorali molto precoci.

    Inoltre, mentre il sanguinamento delle lesioni tumorali è un fenomeno intermittente, e quindi più difficile da valutare con certezza, l’esfoliazione della mucosa colon rettale è continua e questo contribuisce ulteriormente alla precisione del test.

    Il test FL-DNA è attualmente in fase di studio presso l’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la cura dei tumori (IRST) di Meldola (Forlì-Cesena) ma secondo gli esperti è vicina la sua immissione sul mercato. Un momento che potrebbe rivoluzionare la diagnostica di questa forma tumorale dell’intestino.

    366

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ColonDiagnosi precoceIn EvidenzaNews SaluteTumore al ColonTumori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI