Tumore al seno: olio d’oliva gustoso alleato

Tumore al seno: olio d’oliva gustoso alleato

L'olio extravergine di oliva non è solo buono, anzi buonissimo, è anche bravo: una ricerca Usa la ha eletto alleato prezioso della prevenzione di recidiva in caso di tumore al seno

da in Alimentazione, Benessere, Cancro al seno, Salute Donna, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    Olio d’oliva contro il tumore

    La dieta mediterranea è davvero la migliore al mondo, non solo per il gusto indiscutibile, anche grazie al re dei suoi ingredienti, l’olio d’oliva. Vera delizia per il palato, che solletica le papille gustative e inebria l’olfatto, l’olio d’oliva si conferma anche un toccasana per la salute. Nuovo merito accertato per questo nettare: diminuisce il rischio di recidiva di cancro al seno.

    La ricerca, che ha premiato una delle eccellenze gastronomiche del Bel Paese, l’olio d’oliva, è statunitense, condotta da un gruppo di scienziati del Miriam Hospital, di Providence in Rhode Island. Alleato prezioso contro il sovrappeso e la ricomparsa del carcinoma al seno: i ricercatori hanno aggiunto al regime alimentare di 44 donne in menopausa, che hanno sconfitto il tumore alla mammella, l’olio d’oliva, che è risultato prezioso nella lotta alla bilancia e alla recidiva tumorale.

    La ricerca, pubblicata sul Journal of Women’s Health, ha stabilito una correlazione positiva tra il consumo regolare del condimento ottenuto dalla spremitura delle olive, la diminuzione del peso corporeo e dei casi di recidiva.

    Semplificando, è tutta questione di chili di troppo, soprattutto: gli alimenti arricchiti da qualche goccia di olio extravergine di oliva, fonte di grassi vegetali salutari, ne guadagnano in gusto e le donne in soddisfazione e appagamento, di conseguenza, evitano gli spuntini fuori programma e il consumo di snack ipercalorici.

    Infatti, come dimostrano numerose evidenze scientifiche e studi a riguardo, tra i fattori di rischio per la comparsa di una recidiva del cancro, ci sono sovrappeso e obesità. La ricerca ha evidenziato come un’alta percentuale, circa l’80%, delle donne coinvolte nello studio, che hanno seguito una dieta ipocalorica e arricchita con olio d’oliva, sia riuscita a perdere ben il 5% del proprio peso basale. Un ottimo risultato, soprattutto se si confronta con il 31%, relativo alle donne che sono riuscite a perdere la stessa quantità di peso, seguendo un altro regime alimentare.

    Immagine tratta da: mondodelgusto.it

    406

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBenessereCancro al senoSalute DonnaTumori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI