Tumore al seno: l’associazione di due farmaci è causa di maggiore mortalità

Tumore al seno: l’associazione di due farmaci è causa di maggiore mortalità

Cominciamo col dire che in queste pazienti l’associazione dei due farmaci è ritenuta necessaria poiché sovente si assiste a stati depressivi a causa dello stesso disagio psicologico vissuto da parte degli ammalati, oltretutto, a volte, anche manifestatasi in un periodo più difficile della vita quale è per una donna la menopausa

da in Farmaci, Malattie, Tumore al seno, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    mammografia

    Due farmaci noti ed importanti nella stessa misura pur se con indicazioni diverse; parliamo del tamoxifene, un farmaco per il trattamento del carcinoma mammario avanzato nelle donne in postmenopausa con patologia in progressione e la parozetina, un farmaco antidepressivo appartenente alla classe degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina).

    Cominciamo col dire che in queste pazienti l’associazione dei due farmaci è ritenuta necessaria poiché sovente si assiste a stati depressivi a causa dello stesso disagio psicologico vissuto da parte degli ammalati, oltretutto, a volte, anche manifestatasi in un periodo più difficile della vita quale è per una donna la menopausa.

    Ne deriva che è stato effettuato un lungo lavoro scientifico sulla base dei risultati annessi con l’utilizzo dei due farmaci e alla luce delle evidenze che dimostravano come l’associazione dei due principi attivi in pazienti affetti da carcinoma mammario potesse aumentare la mortalità di queste pazienti.

    Tant’è che lo studio che ha messo in relazione le due sostanze attive è stato condotto su una popolazione di oltre 24 mila donne tutte d’età intorno ai 66 anni già in trattamento con tamoxifene, il 30 delle quali in terapia associata con l’antidepressivo citato. Ebbene tale studio avrebbe dimostrato un aumento della mortalità da parte di quelle donne che assumevano insieme i due citati farmaci e, oltretutto, più lungo era il periodo di assunzione, maggiore era il rischio riscontrato.


    Poiché infine sono molte le donne che assumono la paroxetina per mitigare proprio gli effetti collaterali del farmaco per la cura del tumore del seno, si pensi alle vampate di calore, è necessario, alla luce di queste nuove acquisizioni, trovare soluzioni alternative al fine di non sospendere le cure e rimediare ugualmente ai problemi.

    347

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FarmaciMalattieTumore al senoTumori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI