Tumore al seno: deodorante “scagionato” da una ricerca UK

Tumore al seno: deodorante “scagionato” da una ricerca UK

Meglio non puntare più il dito contro i deodoranti, che, secondo una nuova ricerca non sono collegati alla comparsa del tumore al seno

da in Cancro, Ghiandole, Linfonodi, Ricerca Medica, Salute Donna, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    Tumore al seno e deodorante

    Dopo i sospetti, i dubbi e i timori delle donne, la scienza fa finalmente chiarezza: il deodorante, spalmato o spruzzato ogni giorno sotto le ascelle, vere e proprie “miniere” di linfonodi, non può essere considerato un fattore di rischio per la comparsa del tumore al seno. Una ricerca britannica ha scagionato definitivamente il deodorante, come imputato per la comparsa del tumore al seno, e, in particolare, i parabeni, le sostanze più “sospette”.

    Nel corso della sperimentazione, pubblicata sulle pagine del Journal of Applied Toxicology, gli esperti britannici hanno coinvolto quaranta donne che, fra i 2005 e il 2008, erano state colpite dal cancro al seno e, di conseguenza, sottoposte alla mastectomia, l’intervento chirurgico per la sua asportazione. Raccogliendo per ognuna quattro campioni di tessuto da diverse aree del seno, il risultato ha lasciato poco spazio ai dubbi: in tutte le donne si possono ritrovare i parabeni. La presenza di questi consaervanti non è necessariamente da imputare all’utilizzo dei deodoranti.

    Il legame tra tumore al seno e parabeni è sempre stato, fin dagli anni ’90, un “osservato speciale”. In particolare, questi conservanti, contenuti in molti prodotti cosmetici e farmaceutici, ma non solo, hanno una pericolosa similarità con gli estrogeni, gli ormoni coinvolti nello sviluppo del cancro al seno.

    “I nostri dati indicano che la storia non è così semplice e il legame non così scontato, perché anche le donne che non usano cosmetici sotto le ascelle “accumulano” parabeni nel seno.

    Va detto che anche nel nostro campione i tumori sono più frequenti verso l’area ascellare e i parabeni più abbondanti in questo settore, ma ce ne sono molti pure altrove. E di certo ci arrivano anche da altre fonti che non sono i deodoranti” ha osservato uno degli autori della ricerca.

    368

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CancroGhiandoleLinfonodiRicerca MedicaSalute DonnaTumori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI