Tumore al pancreas: presto un test per diagnosticarlo in tempo

Tumore al pancreas: presto un test per diagnosticarlo in tempo

Difatti, l’elevata mortalità di un paziente neoplastico è più determinata dalla velocità delle metastasi che si producono nell’organismo malato, che dall’aggressività del tumore stesso, se per aggressività non intendiamo la capacità della neoplasia a metastatizzare

da in Farmaci, Malattie, Metastasi, Primo Piano, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    intervento tumore pancreas

    Uno dei motivi per i quali un tumore al pancreas ha sempre rappresentato un gravissimo spauracchio è rappresentato dal fatto che tale grave neoplasia è difficilmente diagnosticabile e quando la si riesce ad individuare, solitamente, è troppo tardi, visto che le metastasi prodotte dal tumore primario determinano la morte del paziente stesso.

    Difatti, l’elevata mortalità di un paziente neoplastico è più determinata dalla velocità delle metastasi che si producono nell’organismo malato, che dall’aggressività del tumore stesso, se per aggressività non intendiamo la capacità della neoplasia a metastatizzare.

    Ma oggi questo grave limite della medicina attuale potrebbe pure essere superato, almeno da quando i ricercatori del Queen Mary University’s Institute of Cancer in Gran Bretagna, che hanno collaborato con il London NHS Trust, hanno messo in atto un particolare test da effettuarsi nelle urine in grado di specificare con esattezza nel volgere di due ore la possibilità che il paziente ha di ammalarsi di tumore al pancreas.

    “Ogni anno vengono diagnosticati in Inghilterra piu’ di 7000 casi, e tuttavia solo l’1 per cento dei pazienti sopravvive a 5 anni dalla diagnosi”. Il test riesce a diagnosticare il tumore controllando l’aumento di una certa proteina nelle urine dei pazienti. “Questa proteina e’ un segnale della presenza di adenocarcinoma pancreatico” hanno spiegato i ricercatori.

    “Il test permette una diagnosi e permette ai pazienti di operarsi nelle prime fasi della malattia, aumentando le loro possibilita’ di sopravvivenza al 30 per cento dopo 5 anni dall’intervento”.

    La dimostrazione che la tempestività della diagnosi in quasi tutti i tumori oggi conosciuti è fondamentale, ce la da proprio il successo terapeutico di molte neoplasie trattate per tempo e risolte in larga misura. Se tale test diagnostico per la cura del tumore al pancreas verrà divulgato e reso fruibile a breve dai pazienti e magari inserito come screening di uso comune soprattutto per i malati da una certa età in poi, assisteremo ad un crollo delle morti per tumore al pancreas.

    379

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FarmaciMalattieMetastasiPrimo PianoRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI