Tumore ai polmoni: identificate le origini genetiche e non della patologia

Tumore ai polmoni: identificate le origini genetiche e non della patologia

Studiosi statunitensi stanno conducendo una ricerca per evidenziare una mappa sulle origini genetiche e non del tumore ai polmoni nei non fumatori, presente in almeno il 10% di questa popolazione

da in Fumo, Malattie, Polmoni, Prevenzione, Ricerca Medica, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    tumore polmoni origini genetiche patologia

    Il tumore ai polmoni nei non fumatori è oggetto di studio già da qualche tempo, in particolar modo le origini genetiche e non di questa patologia. Infatti, un gruppo di studiosi statunitensi ha iniziato a evidenziare una sorta di mappa per quanto riguarda le alterazioni genetiche e cellulari che portano all’insorgenza di questa neoplasia. Si sta studiando, infatti, l’attività di particolari geni che possono essere coinvolti, soprattutto, nei non fumatori. Perché solo in questi ultimi? Il tumore polmonare nei fumatori sarebbe già giustificato dalla presenza delle sostanze cancerogene dovute al fumo, anche se comunque i ricercatori hanno voluto mettere a confronto queste due categorie per verificare tutte le possibili cause.

    Gli studiosi che si stanno occupando di questa ricerca fanno parte del Translational Genomics Research Institute (TGen), guidati dal dottor Timothy G. Whitsett del TGen’s Cancer and Cell Biology Division.

    Lo studioso ha sottolineato l’importanza di questa ricerca data la percentuale di casi di neoplasia polmonare in almeno il 10% della popolazione non fumatrice (viene considerata tale chi nel corso della propria vita ha fumato meno di 100 sigarette). Tramite analisi specifiche come il sequenziamento del genoma (WGS), sia il sequenziamento dell’intero trascrittoma (WTS), si sono potute identificare in pazienti non fumatori e affetti da adenocarcinoma (in stadi diversi) delle mutazioni genetiche e alterazioni cellulari che avrebbero potuto portare ad un avanzamento della patologia.

    In particolar modo sarebbe interessato alle mutazioni un gene soppressore, che secondo gli studiosi potrebbe essere una delle cause principali allo sviluppo del tumore ai polmoni. I risultati che fuoriescono da questa ricerca, presentata a San Diego durante la Conferenza congiunta sulle ‘Origini molecolari del cancro ai polmoni: Biologia, Medicina e Terapia Personalizzata’, potrà portare all’identificazione delle cause e alla creazione delle giuste terapie.

    359

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FumoMalattiePolmoniPrevenzioneRicerca MedicaTumori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI