Truffa in Sicilia: 14 milioni di euro ai defunti da curare

Truffa in Sicilia: 14 milioni di euro ai defunti da curare

Sarebbero più di 14 milioni gli euro pagati dalla regione Sicilia per defunti mai dichiarati tali all'anagrafe medica

da in News Salute, Primo Piano, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Guardia di Finanza

    Finisce proprio come nei migliori film dell’orrore questa scena tragica della realtà sanitaria italiana: i protagonisti della Super-Truffa siciliana sono tutti dei fantasmi, dei “morti viventi”. Si è infatti concluso nei giorni scorsi un accertamento in corso dal 2007, che è arrivato a confermare le stime di un dato preoccupante che riguarda la regione Sicilia.

    Sarebbero ben 51.287 le persone decedute che all’anagrafe sanitaria che risultano ancora come viventi e curate nonché seguite nella loro malattia cronica dal rispettivo medico di famiglia. La Sicilia, per queste persone non esistenti, ha pagato annualmente di tasse all’erario danaro per ben 14 milioni di euro.

    La Super-Truffa al sistema sanitario della regione è stata individuata e accertata dalla Guardia di Finanza, grazie al controllo nell’isola da parte delle Fiamme Gialle.

    I controlli sono stati intensificati a partire dal 2007, sono stati così analiticamente usati tutti i registri sanitari locali, per scoprire che questi individui deceduti risultavano ancora in vita e usufruenti il servizio medico.

    I danni dell’anno 2007 erano stati accertati per circa 5 milioni di euro, si tratta di danaro che viene destinato alle famiglie che risultano avere in casa dei malati cronici, dei malati gravi o dei malati terminali.

    Quando questi individui morivano la morte non veniva dichiarata ai fini della sospensione del corrispettivo, che di conseguenza, fino al momento del controllo, è sempre stato versato dal sistema sanitario per adempimenti al pagamento delle spese mediche del “morto”.

    Foto da Sassariweb.info

    313

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News SalutePrimo PianoSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI