Tisana carminativa: a cosa serve e come si prepara

da , il

    tisana carminativa

    La tisana carminativa è un rimedio naturale per risolvere problemi legati al tratto gastro-intestinale, e in questo articolo parliamo nello specifico di come si prepara e a cosa serve. In natura esistono diverse erbe che vantano questa proprietà, ma per questa ricetta abbiamo scelto le migliori tre erbe officinale per far fronte al vostro problema: finocchio, cumino e cardamomo. Andiamo ad analizzare nel dettaglio il potere di queste erbe officinali.

    A cosa serve?

    La tisana carminativa è una bevanda naturale per alleviare ed eliminare alcuni disturbi dell’apparato diregente come gonfiore addominale, coliche, flatulenza, sintomi dell’ernia iatale e coliche gassose.

    Questi disturbi sono spesso legati ad una cattiva alimentazione, ma possono essere causati anche da stress psico-fisico o patologie croniche.

    Il finocchio, il cumino e il cardamomo aiutano il nostro organismo a prevenire questo tipo di disturbi e contrastarli nel caso insorgano.

    Finocchio

    Il finocchio è una pianta conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà digestive e lenitive.

    E’ composto per oltre il 90% di acqua, per il 3% di fibre vegetali e per il resto da proteine, zuccheri e pochissimi grassi.

    Nel finocchio troviamo anche minerali essenziali come calcio, potassio, fosforo, magnesio,ferro, selenio, manganese e zinco e vitamine fondamentali come la vitamina A, vitamine B1, B2, B3, B5, B6 e la vitamina C.

    Ma le proprietà carminative derivano dal suo olio essenziale, ricchissimo anche di flavonoidi.

    L’olio essenziale del finocchio stimola la produzione dei succhi gastrici, azione che si rivela particolarmente utile in caso di gonfiori addominali.

    Inoltre, si rivela utilissimo nei soggetti che soffrono di aerofagia e meteorismo, in quanto l’acido aspartico presente nel finocchio potenzia l’effetto carminativo dell’olio essenziale prevenendo e contrastando la flatulenza.

    I fitoestrogeni contenuti in esso, hanno anche il potere di diminuire sensibilmente i sintomi delle coliche renali.

    Ma il finocchio contiene anche una sostanza che gli dona quel buon sapore aromatico, ed è l’anetolo, presente anche nell’anice e l’aneto.

    L’anetolo funziona da calmante e lenitivo in caso di spasmi, crampi e contrazioni addominali dolorose.

    Il finocchio, sottoforma di infuso oppure di olio essenziali, può essere utlizzato senza problemi da neonati, bambini e anziani.

    Cumino

    Il cumino è una pianta caratterizzata dalle sue proprietà non solo aromatiche, ma anche digestive e carminative.

    Il cumino contiene sali minerali come calcio, potassio, ferro, magnesio e selenio, vitamine del gruppo B, vitamina A, C, J e K e un’elevata quantità di antiossidanti come il beta-carotene, flavonoidi e luteina.

    Grazie ai suoi nutrienti, il cumino apporta grossi benefici a tutto l’apparato digestivo.

    Alcune delle sostanze chimiche contenute nel cumino, stimolano le ghiandole salivari facilitando la digestione dei cibi e attivano la produzione di bile e succhi gastrici, che favoriscono l’intera digestione soprattutto nella parte finale.

    Inoltre ha una forte azione carminativa, che favorisce l’espulsione dei gas che causano il gonfiore addominale e lenisce i dolori addominali derivati da esso. Per questo il cumino è particolarmente consigliato nei soggetti che soffrono di aerofagia.

    Ma il cumino ha anche un leggero effetto lassativo, che combatte la stitichezza e favorisce la guarigione delle piccole ferite nel tratto rettale provocate dalla stipsi.

    Cardamomo

    Il cardamomo sono i semi di una pianta di antichissime origini tropicali.

    Grazie alle sue potenti proprietà, il cardamomo è da sempre utilizzato nella medicina ayurvedica e nella medicina popolare cinese.

    Merito delle sue forti proprietà balsamiche, il cardamomo viene impiegato per la cura di stati influenzali, tosse, congestione nasale e raffreddore.

    Ma il cardamomo vanta anche delle ottime proprietà carminative e digestive da non sottovalutare affatto.

    Il cardamomo è composto per la maggior parte da fibre (30%), da proteine (12%) e il resto da carboidrati e grassi.

    Forte la presenza di minerali come potassio (in abbondante quantità), magnesio, calcio, fosforo, manganese, magnesio e ferro e vitamine come la A, le vitamine B1, B2, B3, B6 e la vitamina C.

    Quello che apporta maggiori proprietà benefiche, è l’olio essenziale che contiene diverse sostanze chimiche indispensabili come limonene, linalolo e geraniolo.

    I semi del cardamomo, aggiunti ai cibi che generalmente causano gonfiori addominali come fagioli, ceci o cavoli, ne riducono notevolmente l’effeto negativo.

    Basterà aggiungere qualche seme agli alimenti durante la cottura, così sprigionerà il suo olio essenziale.

    Il cardomomo viene utilizzanto anche come ottimo digestivo: una buona tisana a base di cardamomo dopo ogni pasto, facilita il processo di digestione degli alimenti e calma stomaco e intestino. Utilissimo anche in caso di nause, vomito e flatulenza.

    Questo perchè, come il finocchio e il cumino, stimola la produzione di succhi gastrici e bile.

    Come si prepara la tisana

    Ingredienti: per 1 tazza

    1 cucchiaino semi di finocchio

    1 cucchiaino di semi di cumino

    1 cucchiaino di semi di cardamomo

    miele biologico facoltativo

    Preparazione

    1. Fate bollire l’acqua in un pentolino.

    2. Versate i semi nell’acqua bollente e lasciate in infusione 10 minuti a fuoco spento. Filtrate l’infuso prima di consumarlo.

    3. Dolcificate con due cucchiaini di miele biologico.

    Per godere appieno dei benefici di queste meravigliose erbe officinali, consumarne 1 tazza al giorno.

    In caso di crampi addominali, cattiva digestione, meteorismo, gonfiore addominale, consumarne 1 tazza all’occorrenza.