Tiroidismo cronico: sintomi, cause e rimedi

Tiroidismo cronico: sintomi, cause e rimedi
da in Ghiandole, Tiroide
Ultimo aggiornamento: Sabato 27/08/2016 07:07

    tiroidismo_cronico sintomi cause rimedi
    Tiroidismo cronico: quali sono i sintomi, le cause e i rimedi? Si tratta di un’alterazione della quantità di ormoni che si manifesta a causa di un cattivo funzionamento della tiroide. Esistono tanti tipi di tiroidismo. Si ha l’ipertiroidismo, se l’attività della tiroide è superiore alla norma. Si parla di ipotiroidismo, se è inferiore. Si ha invece una condizione di tiroidite, se la ghiandola tiroidea è interessata da un processo di infiammazione. I sintomi sono vari: gozzo, tachicardia, ipertensione, perdita di peso oppure stanchezza cronica, anemia: tutto varia in base al funzionamento della ghiandola. All’origine del cattivo funzionamento della tiroide diversi fattori, ai quali si deve cercare di rimediare anche con farmaci specifici oltre che con un’alimentazione in grado di apportare quei minerali fondamentali per il funzionamento della tiroide.


    I sintomi

    I sintomi del tiroidismo cronico variano a seconda della condizione della tiroide. Nel caso dell’ipertiroidismo la tiroide subisce un ingrossamento, per questo si ha un nodo, che può essere unico o multiplo. Oltre al gozzo, altri sintomi sono: sofferenza a livello degli occhi, tachicardia, ipertensione, perdita di peso e nervosismo. L’ipotiroidismo si manifesta con sonnolenza e stanchezza cronica, anemia, stitichezza e aumento del peso. La tiroidite comprende febbre e dolore nella parte anteriore del collo.


    Le cause

    Le cause del tiroidismo cronico vanno distinte a seconda dei casi. Nell’ipertiroidismo all’origine c’è un’iperattività della tiroide. L’ipotiroidismo in alcuni casi può dipendere da una carenza di iodio, da malattie a carico dell’ipofisi o da patologie autoimmuni, come, per esempio, il tiroidismo di Hashimoto. La tiroidite di solito è provocata da un’infezione batterica.


    I rimedi

    I rimedi per il tiroidismo cronico possono consistere, nel caso dell’ipertiroidismo, in un trattamento a base di farmaci antitiroidei, che devono essere assunti con regolarità per evitare lesioni oculari o che interessano l’apparato cardiocircolatorio. Molto importante è anche l’alimentazione, perché si deve cercare di apportare quanto più possibile lo iodio, fattore fondamentale per ristabilire la funzionalità della ghiandola. Bisognerebbe privilegiare alimenti come cavoli, broccoli, semi di lino e soia, soprattutto nel caso di ipotiroidismo da carenza iodica. Molto importanti sono anche i cibi che contengono selenio, come, ad esempio, arachidi, lenticchie e pistacchi. Esistono anche degli integratori naturali alimentari di selenio, di cui si può usufruire per un buon funzionamento della tiroide.

    495

    LEGGI ANCHE