Tetania: sintomi, cause e cura

Tetania: sintomi, cause e cura
da in Dolori muscolari
Ultimo aggiornamento:

    Mano dita

    La tetania è una patologia che provoca sintomi importanti, le cui cause possono essere diverse: è, come sempre, importante intraprendere una cura, il prima possibile. Le tetania è, generalmente, caratterizzata da spasmi, crampi muscolari e tremori. Ma qual è la sintomatologia esatta legata alla tetania? Quali sono le sue cause? Quale il trattamento da seguire per giungere alla guarigione? Scopriamo di più in merito.

    Cos’è la tetania? Come anticipato prima, la tetania è una patologia in grado di provocare soprattutto tremori, spasmi e crampi muscolari. Esistono vari tipi di tetania, le cui cause possono essere diverse: tra queste tipologie, è presente la cosiddetta “spasmofilia”.

    I sintomi della tetania sono – come detto prima – tremori, spasmi e crampi muscolari, ma si manifestano anche dolori addominali e muscolari, diarrea, mal di testa, contrazioni alle dita, paralisi, formicolio e contratture a mani e piedi, mancanza di respiro, intorpidimento, difficoltà nel parlare, letargia, debolezza, intorpidimento su un lato del corpo, ansia, stanchezza, insonnia – che può avere diverse conseguenze - vomito, tachipnea, perdita di coordinazione muscolare e difficoltà mnemonica, oltre che di comprensione, di pensiero, di scrittura o di lettura.

    Le cause della tetania possono essere diverse: diminuzione della concentrazione di calcio nel sangue – ovvero, l’ipocalcemia – diminuzione di magnesio, fosforo o potassio – cioè, l’ipokaliemia – e alcalosi nell’organismo. Pare, inoltre, che anche l’ansia possa favorirne l’insorgenza, oltre a iperventilazione, ipoparatiroidismo, glomerulonefrite cronica, uremia eclamptica acuta, nefrosi, malnutrizione, effetti collaterali di alcuni farmaci, pancreatite, fibrosi cistica – che può avere diverse cause - gravidanza e allattamento al seno – quando si verifica un aumento del fabbisogno di sali minerali e vitamine – carenza di vitamina D, osteomalacia, rachitismo e insufficienza renale acuta.

    Alla comparsa di segni e sintomi, è opportuno contattare immediatamente il medico che – grazie ad alcuni esami e analisi – stabilirà la giusta diagnosi e le terapia più adatta al caso specifico, a seconda della causa scatenante.

    Per stabilire la diagnosi, verranno richiesti gli esami del sangue ed eseguite l’anamnesi generale e lo studio dei sintomi.

    Quali sono i rimedi contro la tetania? La cura dipende dalle cause che hanno generato la malattia. In caso di ipocalcemia, la patologia può essere curata con iniezioni di calcio e somministrazione orale di calcio e di vitamina D. Per quanto riguarda la spasmofilia, è possibile che vengano prescritti calcio, magnesio o vitamina D. Quando si presenta la crisi, è il caso di respirare in un sacchetto di plastica, tenendo l’apertura il più a lungo possibile intorno alla bocca: così facendo, infatti, si evita l’iperventilazione. Anche la psicoterapia e la somministrazione di un ansiolitico possono essere di aiuto. Ad ogni modo, per poter intraprendere il giusto trattamento, è importante conoscere bene le cause che hanno scatenato la patologia.

    La prognosi dipende, infine, da diversi fattori: la tempestività d’intervento, la gravità della patologia, la causa scatenante e lo stato di salute del paziente, oltre che la sua età.

    653

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Dolori muscolari
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI