Test sui bambini: ecco la nuova normativa europea

Test sui bambini: ecco la nuova normativa europea
da in Bambini, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Bambini

    Bambini

    Gli studi condotti sui bambini saranno regolati da una normativa piu’ seria da questo momento in poi, lo ha deciso l’Unione europea, per fare fronte ai test selvaggi che riguardano gli studi sull’infanzia. E’ stato inoltre pubblicato un set di raccomandazioni per elencare e spiegare bene gli standard etici che devono essere rispettati per gli studi che mettono al centro dell’attenzione i minori: una protezione contro i rischi della ricerca per fare in modo che ai bambini torni solo il positivo degli studi e non il negativo.

    Responsabilita’ dei soggetti coinvolti negli studi clinici, ad esempio per gli sponsor e per i comitati etici; garanzie da parte delle autorita’ politiche e da parte delle aziende farmaceutiche, da parte delle assicurazioni e da parte dei gruppi di ricerca, che in genere sui bambini hanno sempre cercato di fare attivita’ di guadagno.

    Grande importanza per il ruolo ricoperto dalle famiglie, che sono chiamate a rispondere in prima persona dell’uso che si fa dei loro figli in ricerca.

    Per quanto riguarda invece i rischi veri e propri degli studi clinici verso i bambini che vogliono partecipare, nel documento si afferma testualmente che “l’interesse del bambino dovrebbe essere sempre messo al primo posto, davanti all’interesse della scienza e della societa’. I rischi devono essere valutati contro i benefici e si dovrebbero tenere presenti il rischio della patologia, quello di somministrare o meno il trattamento, i potenziali danni legati all’invasivita’ del trattamento stesso e agli effetti collaterali irreversibili”. (NDR Dalla modifica del testo di legge.)

    Saranno poi garantiti la pubblica esposizione dei risultati, positivi e negativi, e il diritto all’uso dei dati emersi dalle ricerche.

    303

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniRicerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI