Terremoto in Giappone: contaminazione dalle radiazioni attraverso polmoni, pelle e cibi

Terremoto in Giappone: contaminazione dalle radiazioni attraverso polmoni, pelle e cibi

Le vie attraverso le quali le radiazioni si insinuano nel nostro organismo sono rappresentate dai polmoni, dalla pelle e dai cibi di cui ci nutriamo

da in Analisi Mediche, News Salute, Pelle, Polmoni, Primo Piano, radiazioni
Ultimo aggiornamento:

    terremoto giappone contaminazione radiazioni

    Il terremoto in Giappone ha avuto come conseguenza anche la contaminazione dalle radiazioni in seguito ai danni riportati presso le centrali nucleari. Ma come avviene questa contaminazione? Quali sono le parti del corpo maggiormente esposte? Gli esperti fanno notare che la radioattività si insinua attraverso i polmoni, la pelle e i cibi di cui ci nutriamo.

    A questo proposito Armando Zingales, presidente del Consiglio nazionale chimici, spiega riguardo alle vie compiute dalle radiazioni per entrare nel nostro organismo:

    Quella che passa attraverso l’aria che respiriamo è la più pericolosa, poiché la polvere arriva più rapidamente a destinazione. Ma anche la pelle e il cibo contaminato possono mettere ugualmente a rischio la salute della popolazione.

    Il terremoto in Giappone ha comportato dei casi di contaminazione da radioattività, dei quali si deve sicuramente tenere conto, per affrontare quella che ora appare come una vera emergenza. Per riuscire a comprendere se ci sono delle tracce di contaminazione, si ricorre ad un contatore di radiazioni, il quale, collegato a delle apposite macchine, tuttavia non è in grado di stabilire di che tipo di contaminazione si tratta.

    Per capire in modo preciso con quale sostanza si ha a che fare, bisogna effettuare delle analisi chimiche.

    Nel caso della contaminazione umana si ricorre a delle analisi del sangue, per rintracciare quale i isotopo ha determinato la contaminazione stessa. Il terremoto in Giappone non può non avere degli effetti sulla salute determinati dall’esplosione nucleare.

    Il rimedio da adottare è quello di sottoporre il paziente a dei trattamenti per smaltire le radiazioni che ha assorbito e nel corso del tempo si ripeteranno le analisi.

    342

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Analisi MedicheNews SalutePellePolmoniPrimo Pianoradiazioni
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI