Tenesmo rettale: sintomi, cause e cura

da , il

    Pillole medicine

    Il tenesmo rettale è un disturbo caratterizzato da sintomi ben precisi e le cui cause vanno indagate, in modo tale da poter giungere a una cura corretta, il prima possibile. Il tenesmo rettale è determinato dallo stimolo di evacuare, anche in assenza di feci. Ma qual è la sintomatologia esatta legata al tenesmo rettale? Quali sono le sue cause? Quale il trattamento per poter giungere alla guarigione? Scopriamo di più in merito.

    Cos’è

    Cos’è il tenesmo rettale? Come anticipato prima, si tratta di una condizione anomala determinata dallo stimolo di evacuare, anche in assenza di feci: avviene, infatti, una contrazione dovuta a spasmi e spesso caratterizzata da dolore allo sfintere anale.

    I sintomi

    I sintomi del tenesmo rettale includono, dunque, lo stimolo ad evacuare – presente anche in assenza di feci – spasmi, dolori allo sfintere anale, crampi addominali, bruciore anale, prurito anale, diarrea – per cui esistono dei rimedi naturali - dolori all’addome, febbre, meteorismo, nausee, attacchi e dolori all’ano.

    Le cause

    Quali sono le cause che possono provocare tenesmo rettale? Vari tipi di colite, neoplasie, proctiti, stitichezza, ragadi – per cui esistono diversi rimedi - cancro del colon, cancro dell’ano, ansia, stress, polipi intestinali, intestino irritabile, onicofagia, malattia di Crohn e malattie sessualmente trasmissibili, come la gonorrea. Generalmente, tale patologia fa la sua comparsa dopo un processo infiammatorio riguardante intestino, colon, retto e ano e può derivare anche da infezioni meno gravi. Inoltre, il tenesmo rettale può essere uno dei principali sintomi del colera. Il tenesmo rettale può, poi, presentarsi anche a causa di schistosomiasi, ovvero un’infezione da parassiti che si può contrarre da molluschi e bovini.

    La diagnosi

    Alla comparsa di segni e sintomatologia, è necessario contattare – il prima possibile – il medico che, grazie a una serie di analisi ed esami, stabilirà la giusta diagnosi e, dunque, la terapia più adatta al caso specifico. Oltre alla visita medica, allo studio dei sintomi e alle analisi del sangue, potrebbe essere necessario effettuare ulteriori test più approfonditi per scoprirne le cause.

    La cura

    Quali sono i rimedi contro il tenesmo rettale? La cura dipende, principalmente, dalla causa che provoca il disturbo: per questa ragione, a volte, la terapia può comprendere l’assunzione di farmaci oppure, nei casi più gravi, l’intervento chirurgico.

    La prognosi

    Infine, la prognosi dipende anch’essa da diversi fattori, quali la causa scatenante, la velocità nell’intraprendere la corretta terapia e la gravità della condizione, oltre che dall’età e dallo stato di salute del paziente. È bene ricordare che, se non curato, il tenesmo rettale può condurre alla morte: le cause possono, infatti, essere delle malattie potenzialmente letali.